Chiudi

Modena Belcanto Festival, Teatro Comunale – I puritani

Condivisioni

Al Teatro Comunale Pavarotti Freni va in scena, nell’ambito del Modena Belcanto Festival, uno dei capolavori del repertorio belcantistico: I puritani di Vincenzo Bellini. Se la produzione si dimostra riuscita dal punto di vista visivo, il versante musicale convince solo in parte. La lettura di Alessandro d’Agostini, alla guida della Filarmonica del Teatro Comunale di Modena, non riesce a restituire tutta l’eleganza e le sfumature richieste dalla partitura. Il suono appare poco curato e a tratti disomogeneo, mentre i tempi scanditi a volte in maniera troppo rapida compromettono la coerenza narrativa. Nonostante in altre occasioni lo stesso maestro si sia fatto apprezzare dal pubblico modenese, questa volta la sua conduzione suscita alcune contestazioni dal loggione.

Nel cast, Ruth Iniesta è protagonista di una bella prova nelle vesti di Elvira, offrendo un’interpretazione capace di tratteggiarne ora il carattere brillante e determinato, ora le tensioni e la sensibilità dell’amante sconfortata. Il soprano possiede un timbro rotondo, ricco di armonici, e una buona emissione, particolarmente efficace nel registro acuto e sopracuto.
Di nuovo a Modena nelle vesti di Sir Giorgio, come nell’edizione del 2017, il basso Luca Tittoto si guadagna lunghi e generosi applausi grazie a una performance coinvolgente. Dimostra tecnica salda nel canto e tratteggia il carattere paterno del personaggio in modo espressivo sin dal primo duetto con Elvira. Tittoto emerge in particolare per il fraseggio curato e sensibile. Molto buona l’esecuzione del celeberrimo duetto “Suoni la tromba” al fianco del baritono Alessandro Luongo. Anche quest’ultimo riscuote un grande successo di pubblico, forte di ottimi mezzi vocali e di una tecnica adeguata che gli consentono di interpretare il risentimento che caratterizza la parte di Sir Riccardo, risultando contemporaneamente affranto e capace di rimarcare la rabbia covata dentro, accentuata dal timbro brunito e dalla sensibilità espressiva.
Arturo è interpretato da Ruzil Gatin, che delinea il personaggio con una linea di canto pulita e un’eccellente dizione. Nonostante l’evidente impegno nel fraseggio e nel sottolineare i tratti gentili del ruolo, la sua vocalità non si adatta pienamente alle esigenze dei momenti più drammatici. Completano adeguatamente il cast Nozomi Kato (Enrichetta), Matteo Macchioni (Sir Bruno) e Andrea Pellegrini (Lord Gualtiero). Ottimo il lavoro del Maestro Giovanni Farina nel preparare gli artisti del Coro Lirico di Modena.

La lettura registica di Francesco Esposito (che firma anche i tradizionali costumi) coglie l’atmosfera di solitudine e angoscia che caratterizza la vicenda, rispettando fedelmente il libretto e la narrazione drammatica impressa dalla musica. Non mancano intuizioni efficaci, come l’utilizzo di specchi per richiamare la condizione psichica della protagonista, coinvolgendo ulteriormente il pubblico nella vicenda. L’uso sapiente delle luci da parte di Andrea Ricci si rivela fondamentale nel dare risalto alle scene realizzate da Rinaldo Rinaldi e Maria Grazia Cervetti. L’impianto è dominato da una imponente struttura centrale che richiama una fortezza e, con la sua colorazione grigia attraversata da righe marmoree irregolari, trasmette un senso di inquietudine, raggiungendo il culmine nel finale quando la stessa si frantuma a simboleggiare la condizione di Elvira e il dramma emotivo vissuto da ciascun personaggio. La gestione degli spazi è inoltre funzionale grazie a pareti scorrevoli che permettono di articolare i vari ambienti, facilitando la comprensione visiva senza distogliere l’attenzione dalla musica.

Modena Belcanto Festival 2024
I PURITANI
Melodramma serio in tre parti
Libretto di Carlo Pepoli
Musica di Vincenzo Bellini

Elvira Ruth Iniesta
Lord Arturo Talbo Ruzil Gatin
Sir Riccardo Forth Alessandro Luongo
Sir Giorgio Luca Tittoto
Enrichetta di Francia Nozomi Kato
Sir Bruno Roberton Matteo Macchioni
Lord Gualtiero Valton Andrea Pellegrini

Filarmonica del Teatro Comunale di Modena
Coro Lirico di Modena
Direttore Alessandro d’Agostini
Maestro del coro Giovanni Farina
Regia e costumi Francesco Esposito
Scene Rinaldo Rinaldi, Maria Grazia Cervetti
Luci Andrea Ricci

Allestimento Fondazione Teatro Comunale di Modena
Produzione Modena Belcanto Festival
Modena, 10 maggio 2024

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino