Chiudi

Brescia, Teatro Grande – Amor tiranno: concerto del controtenore Carlo Vistoli

Condivisioni

Un raffinato viaggio musicale nella musica vocale del XVII secolo. Ha riscosso un bel successo, al Teatro Grande di Brescia, il concerto “Amor tiranno. Storie di amanti infelici nell’opera veneziana del Seicento”, con protagonista il controtenore Carlo Vistoli, accompagnato dall’ensemble Sezione Aurea, con la partecipazione del direttore e clavicembalista Filippo Pantieri. Creato nel 2013 da Luca Giardini, l’Ensemble affronta il repertorio strumentale e vocale italiano del XVII e XVIII secolo con precisione stilistica e bella ricchezza timbrica e agogica.

Il percorso tematico di Amor tiranno – che è poi diventato anche un cd edito da Arcana e da noi recensito (leggi qui) – si focalizza su scene d’opera e arie “da camera” dei più importanti compositori del XVII secolo legati all’ambiente musicale veneziano. Tra loro, Francesco Cavalli e Claudio Monteverdi, il cui famoso «Sì dolce è ’l tormento» può ben esemplificare il fil rouge dei brani presentati: storie di amanti traditi o respinti, cuori infranti. Questi amanti esprimono la loro disillusione non solo tramite lamenti, ma anche in modi più leggeri e ironici, talvolta perfino attraverso forme di danza, come nella ciaccona «Amanti, io vi so dire» di Benedetto Ferrari, compositore forse meno conosciuto ma storicamente importante, il quale offrì un significativo contributo, assieme a Filiberto Laurenzi, allo sviluppo del genere del dramma per musica.

Molti dei testi di questi brani sono anche di notevole pregio letterario (penso a quelli firmati dal celebre Giovan Francesco Busanello), nel segno dell’originaria vocazione del melodramma, quel “recitar cantando” che il sommo Claudio Monteverdi portò a vette di sublime ispirazione. Restituita in tutta la sua nobiltà dal canto di Vistoli, dotato di una voce di bel timbro, ampia e duttile, sempre intonata, adeguatamente morbida nel piegare il fraseggio alle necessità della parola, precisa nelle agilità. In questo modo, il senso letterale e la trasfigurazione sentimentale del canto trovano nella voce del controtenore un veicolo ideale.

Teatro Grande di Brescia
AMOR TIRANNO
Musiche di Monteverdi, Filiberto Laurenzi,
Benedetto Ferrari, Francesco Cavalli,

Sezione Aurea
Carlo Vistoli
, controtenore
Filippo Pantieri, direzione e clavicembalo
In collaborazione con Settimane Barocche di Brescia
Brescia, 20 ottobre 2020

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino