Chiudi

Vicenza, Teatro Comunale – Concerto della Chamber Orchestra of Europe

Condivisioni

Fondata nel 1910 da un gruppo di appassionati di musica, capeggiati dallo scrittore Antonio Fogazzaro, la Società del quartetto di Vicenza vanta una delle tradizioni più longeve e rilevanti della nostra penisola. L’impegno profuso ogni anno per mantenere alto il livello della programmazione è ravvisabile nelle serate offerte al nutrito pubblico che segue con costanza la rassegna. L’inaugurazione della centonovesima stagione rende l’idea dell’impegno organizzativo: il Teatro Comunale di Vicenza ospita la Chamber Orchestra of Europe e il violinista Nicolaj Szeps-Znaider. Quest’ultimo assume anche la veste di direttore in sostituzione di Andrés Orozco-Estrada il quale, per motivi di salute, è costretto ad un periodo di riposo.

La variazione stravolge in parte il programma inizialmente definito, ma è anche una preziosa occasione per poter apprezzare la formazione completa di Znaider. Gli annunciati Concerto per violino in re maggiore op. 35 di Čaikovskji e Danze di Galanta di Kodály lasciano spazio a un monumento del repertorio primo ottocentesco, il Concerto per violino in re maggiore op. 61 di Ludwig van Beethoven. Questa partitura, a lungo trascurata da pubblico, critica e interpreti, si impone all’attenzione generale verso la metà del XIX secolo, grazie alle esecuzioni europee di Joseph Joachim. Alle scarse concessioni virtuosistiche, particolarmente in voga in epoca napoleonica, all’apice dello stile Biedermeier, è affiancata l’attenzione per una linea espressiva apollinea, tecnicamente complessa per le esigenze plastiche richieste allo strumento, nel suo dialogo costante con l’orchestra. Znaider riesce a bilanciare e fondere perfettamente i suoi due ruoli: plasma la linea solistica con un’impeccabile attenzione al dettato beethoveniano, cui s’affianca un’affascinante ricerca coloristica valorizzata dal personale apporto per quanto attiene fraseggio, dinamiche e agogiche, e guida l’orchestra con la salda cognizione delle esigenze di complicità e compenetrazione pensate dall’autore. L’ottima cavata dell’artista produce un suono preciso, potente, pulito anche nei passaggi in pianissimo dove la tecnica si fonde all’emozione.

Nel breve e insolito bis, il Preludio corale BWV 639 di Bach nell’arrangiamento per violino e archi dello svedese Anders Hillborg, si ha un’ulteriore prova della perizia esecutiva del solista e della compagine. Quest’ultima dà prova, durante la serata, di un’invidiabile omogeneità e della costante attenzione alle tinte dei vari settori strumentali. Lo si nota appieno nella solida esecuzione della Sinfonia n. 7 in re minore op. 70 di Antonín Dvořák. La partitura, perfetto sunto del sentire tardoromantico, influenzato dallo stile brahmsiano, e delle tradizioni ceche, sintetizza le conquiste formali raggiunte dall’autore all’altezza del 1885, anno della prima esecuzione a Londra, il 22 aprile. Le tensioni che pervadono la scrittura, conferendole un’austerità capace di commistioni timbriche e coloristiche di inusitata efficacia, si ritrovano tutte nella lettura attenta di Nicolaj Szeps-Znaider che, alla testa della COE, ottiene un suono compatto e modellabile fin nelle più dettagliate esigenze espressive durante i quattro canonici movimenti. Il pubblico apprezza la serata contrassegnata da sinceri applausi e ripetute richieste di bis.

Teatro Comunale – 109ª Stagione della Società del Quartetto di Vicenza
CONCERTO INAUGURALE

Ludwig van Beethoven
Concerto per violino e orchestra in Re maggiore, op. 61

Antonín Dvořák
Sinfonia n. 7 in Re minore op. 70

Bis:
Johann Sebastian Bach (arrangiamento di Anders Hillborg)
Preludio corale BWV 639

Chamber Orchestra of Europe
direttore e violino solista Nikolaj Szeps-Znaider
Vicenza, 9 novembre 2018

Download PDF
Privacy Policy Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino