Chiudi

Roma, Stagione Iuc – Concerto di Anna Caterina Antonacci

Condivisioni

Ruota attorno alla città di Gerusalemme il ricercato programma che apre la stagione della Iuc, nella austera cornice dell’Aula magna dell’Università La Sapienza, con l’Accademia degli Astrusi e Anna Caterina Antonacci come protagonisti di eccellenza.
Grazie anche alla collaborazione del musicologo Francesco Lora, il centro concettuale individuato nella città di Gerusalemme si amplia e si trasforma, abbracciando la letteratura, la storia dell’arte e quella del cristianesimo, poi infine la Roma rinascimentale e barocca, indicata come il nuovo centro religioso dell’occidente cristiano contro i protestanti.

Il programma di questa occasione, composto di brani esclusivamente strumentali, sacri e drammatici, accosta autori del Seicento, di cui alcuni già noti e altri meno eseguiti. Uniche, e in prima esecuzione moderna, sono le due Lectiones di Giovanni Paolo Colonna, che hanno il pregio di impiegare la compagine strumentale e la timbrica offerta dai singoli strumenti per innestare anche nella tradizione ecclesiastica la carica emotiva del nuovo stile operistico.
Sul fronte strumentale Arcangelo Corelli è la presenza più preponderante: la sua Sinfonia per l’Oratorio S. Beatrice d’Este di Lulier presenta fin dall’apertura il meglio dell’Accademia degli Astrusi, negli incastri perfetti fra sezioni durante i passaggi a canone e nel caldo, tellurico e dolcissimo vibrare dei bassi. L’alternanza fra soli e tutti, poi, mette in luce la perfetta intesa fra primo e secondo violino in alcuni passi del Concerto grosso in do minore. Ma il momento più ludico delle sezioni strumentali arriva con Heinrich Ignaz Franz von Biber e la sua Battalia à 10, in cui pizzicati, ostinati, suoni onomatopeici e cavati dall’archetto sulle corde sono disseminati nella partitura con l’intento di ricreare i suoni delle spade che si scontrano sui campi militari.
La nettezza, la precisione, la compattezza e la perfetta intesa accompagnano l’esecuzione diretta da Federico Ferri, i cui gesti, anche minimi, sembrano dare vita e senso alle frasi musicali, alle dinamiche e alla complessità di partiture poco note.

Quel che resta del concerto sono i brani vocali e qui è regina assoluta e incontrastata Anna Caterina Antonacci. Non solo perché possiede un timbro che incanta, perché sa colorare ogni sillaba di una sfumatura differente, perché muta atteggiamento fisico e musicale a seconda del personaggio che incarna, ma soprattutto perché è in grado di dosare tutto questo con intelligenza, sapienza e umiltà. Quando interpreta un brano sa essere dentro la musica e mai sopra di essa, arrivando con sincera emozione al cuore e alla mente dell’ascoltatore. La scelta dei brani le permette di attraversare tre differenti generi: quello ecclesiastico, quello drammatico-madrigalistico e infine quello propriamente operistico. Nelle Lectiones di Colonna esegue con destrezza le difficili linee vocali, rendendo intellegibili anche le differenti “voci”, ma nonostante la rarità esecutiva non è questo il meglio del programma. Monteverdi e Lully, dove la profondità del dramma agito e narrato animano il suo spirito da tragédienne, sono il suo vero terreno d’elezione. Il Combattimento di Tancredi e Clorinda, già eseguito in molte occasioni, è un momento di grande intensità in cui la Antonacci, che interpreta tutti e tre i ruoli previsti, può mettere in campo – è il caso di dirlo – tutte le sue armi: la voce rotonda e scura, il sussurro, la scansione drammatica, il legato commovente. Le parole sono tutte perfettamente comprensibili e il dramma della morte della guerriera pagana nonché il potere salvifico del battesimo passano dalla narrazione alla melodia, dalla poesia all’armonia, senza soluzione di continuità: è pura incarnazione del recitar cantando. L’Armide di Lully, con cui il programma si conclude, è una variante di questa drammatizzazione. L’alternarsi di recitativi e arie, sempre concluse da un brano strumentale, ne sottolinea una idea compositiva più chiaramente definita rispetto a Monteverdi, così come il linguaggio musicale è meno fantasioso, meno partecipe ma sempre egualmente affascinante. Anche in questo caso l’interpretazione della compagine musicale e della parte vocale è di altissimo livello e l’intesa fra l’una e l’altra è chiara nella scansione tragica, così come nel sostegno alla vocalizzazione più accesa e animata.
Un appuntamento di vera eccellenza, registrato anche da Radio3, per la fortuna di tutti coloro che non erano presenti nella sala affollata e non hanno partecipato al tripudio generale per gli Astrusi, per Federico Ferri e per la straordinaria arte di Anna Caterina Antonacci.

IUC – Istituzione Universitaria dei Concerti – Stagione 2017-18
GERUSALEMME: CELESTE E TERRENA, PERDUTA E LIBERATA

A. Corelli: Sinfonia per l’Oratorio S. Beatrice d’Este di Lulier
G. P. Colonna: Lectio tertia. Feria VI in Parasceve
H. I. Franz von Biber: Battalia à 10
C. Monteverdi: Combattimento di Tancredi e Clorinda
A. Corelli: Concerto grosso in do minore op. 6 n. 3
G. P. Colonna: Lectio secunda. Sabbato sancto
J. B. Lully: da Armide: Ouverture –«Enfin, il est en ma puissance» – Entracte – «Ah, si la liberté me doit être ravie» – «Venez, Haine implacable» – Passacaille – «Le perfide Renaud me fuit»

Soprano Anna Caterina Antonacci
Accademia degli Astrusi
Direttore Federico Ferri
Aula magna dell’Università La Sapienza, Roma, 14 ottobre 2017

Download PDF
Privacy Policy Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Photo credit: "National Centre for the Performing Arts - Beijing, China" di Xi Liao Pen, 2012