Chiudi

Treviso, al via il 51° Concorso Toti Dal Monte: in palio i ruoli del Flauto magico di Mozart

Condivisioni

Il Concorso Internazionale per cantanti lirici Toti Dal Monte è pronto a riportare Treviso al centro della scena lirica internazionale. Per la 51ª edizione saranno 167 i partecipanti under 35 provenienti da tutto il mondo a esibirsi al Teatro Mario Del Monaco di Treviso tra il 13 e il 18 maggio, giorno della finale. Primo in Italia a offrire ai vincitori l’opportunità di debuttare in palcoscenico come interpreti di un’opera ogni volta diversa, il concorso intitolato alla memoria di Toti dal Monte vede la stretta collaborazione tra l’Amministrazione Comunale della Città di Treviso e il Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale.

Per l’edizione 2024 il titolo prescelto è Die Zauberflöte (Il flauto magico), Singspiel in due atti musicato da Wolfgang Amadeus Mozart nel 1791, su libretto di Emanuel Schikaneder. In lizza 167 concorrenti provenienti da oltre 30 Paesi diversi di tutti i continenti, di età compresa tra i 20 e i 35 anni, con un’età media di 27 anni; 15 i partecipanti provenienti dal Veneto e 5 i trevigiani. L’opera andrà in scena nella stagione lirica 2024-2025 oltre che al Teatro Mario Del Monaco anche al Verdi di Padova e al Sociale di Rovigo, co-produttori dello spettacolo.
I ruoli a concorso sono quelli di Tamino (tenore), Pamina (soprano), La Regina della Notte (soprano), Papageno (baritono), Papagena (soprano), Sarastro (basso), Monostatos (tenore), Prima Dama (soprano), Seconda Dama (soprano) e Terza Dama (contralto). I candidati dovranno superare una prova eliminatoria, a porte chiuse, cui seguiranno una semifinale, sempre a porte chiuse, e la prova finale nella serata evento aperta al pubblico – con prenotazione a partire dal 10 maggio – di sabato 18 maggio alle ore 17.30, che vedrà la lettura dell’opera con l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta diretta da Massimo Raccanelli, quest’anno presentata dalla giornalista Rai Maria Pia Zorzi.

In quell’occasione, inoltre, saranno consegnati tre premi speciali: una borsa di studio del valore di 1.500 euro, offerta dal Comune di Pieve di Soligo al più giovane soprano meritevole emerso dal Concorso, la borsa di studio “Talento per il futuro”, sempre del valore di 1.500 euro, offerta dal Comune di Mogliano Veneto in collaborazione con Amici della Musica Toti Dal Monte e un Concerto premio dedicato al tenore Gastone Limarilli, che si terrà domenica 23 giugno, offerto dalla Città di Montebelluna.

La giuria della 51ª edizione, presieduta da Christoph Seuferle, direttore della Deutsche Oper di Berlino, è costituita da personalità del settore artistico musicale internazionale e da rappresentanti degli Enti coproduttori: Giuliano Carella, direttore d’orchestra, Renate H. Kupfer, opera casting consultant, Roberto Scandiuzzi, cantante lirico, Edoardo Bottacin, direttore artistico del Teatro Sociale di Rovigo, Federico Faggion, direttore artistico della stagione lirica del Teatro Verdi di Padova e Stefano Canazza, direttore artistico della stagione lirica e concertistica del Teatro Mario Del Monaco di Treviso.

Nato nel 1969, per volontà di Antonio Mazzarolli e del celebre soprano Toti Dal Monte, a cui è stato intitolato dal 1975, in un cinquantennio il Concorso Internazionale per cantanti lirici Toti Dal Monte ha premiato oltre 260 cantanti, con una percentuale di stranieri che raggiunge quasi il 50%, assumendo sempre più una vocazione e dimensione culturale internazionale.  Molti di loro hanno in seguito intrapreso prestigiose carriere internazionali calcando le scene dei maggiori teatri al mondo come il soprano Ghena Dimitrova, il soprano Mariella Devia, il basso Ferruccio Furlanetto, il baritono Alessandro Corbelli, il contralto Sara Mingardo, il basso baritono Ildebrando D’Arcangelo.

Con lo spirito di portare il Teatro in città e la città a Teatro, consolidando lo stretto legame che unisce Treviso e il Concorso, il Comune di Treviso e il Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale hanno previsto, inoltre, delle iniziative collaterali che andranno ad arricchire l’edizione. Durante la settimana della competizione nei due foyer del piano terra e in quello del primo piano del Del Monaco sarà allestita l’esposizione “Nel magico mondo di Mozart” con i costumi di scena del Flauto Magico prodotto dal Teatro Comunale di Treviso nel 2008 a firma di Eugenio Monti Colla. I preziosi abiti esposti sono stati realizzati nella sartoria del Teatro di Treviso dallo staff di sarte guidato da Nives Annibal. Inoltre, in questi giorni verranno illustrate le vetrate di ingresso del Teatro di Treviso e una decina di vetrine di attività commerciali lungo Corso del Popolo, proprio ispirate a Toti Dal Monte e al titolo a concorso. Le illustrazioni saranno realizzate da autori della scuderia di talenti del Treviso Comic Book Festival, creando una originale sinergia tra le due forme artistiche. Per i finalisti e le finaliste del Concorso, è poi in programma una originale “tiramisù experience” offerta dal ristorante Le Beccherie di piazza Ancilotto, nell’ottica di promuovere il territorio oltre i propri confini attraverso l’esperienza diretta dei giovani artisti.

In copertina, una foto della finale della 50ª edizione del concorso

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino