Chiudi

Famiglia García: un concerto omaggio, con inediti, a Terni. Manuela Custer fra i protagonisti

Condivisioni

L’Associazione Culturale Mirabil Eco (Terni) presenta giovedì 25 aprile, alle ore 19.00, presso il Centro Arti Opificio Siri (CAOS) Sala dell’Orologio, un concerto dedicato alla famiglia García.

Fra gli interpreti coinvolti spiccano due voci femminili, forti di una pregevole esperienza internazionale nel repertorio belcantista: Omo Bello, soprano, e Manuela Custer, mezzosoprano. Al loro fianco ci saranno Eros Antonelli, tenore, e Alessandro Patalini, baritono. Quattro allievi del Conservatorio G. Briccialdi di Terni parteciperanno all’esecuzione de La jeune republique: Silvia Belpassi, Chihiro Nagumo, Leonardo Cadeddu, Emmanuele Guglielmo. Al pianoforte, con l’impegnativo compito di solista e di accompagnatrice, Lucrezia Proietti.

Il concerto vuole restituire una panoramica dell’attività artistica, didattica e compositiva della famiglia García, con brani diversi per genere, lingua ed epoca. Verranno eseguite alcune pagine inedite: due delle Ariette per uso di Manuel García figlio composte da Manuel García Sr, marcatamente virtuosistiche e destinate all’educazione vocale del primogenito di García Sr. Inoltre, brani in prima esecuzione in tempi moderni, come La jeune République, che Pauline Viardot-Garcìa compose nel 1848 in onore della Seconda Repubblica francese, e Dors mon enfant, una delle pochissime composizioni di Eugénie García-Mayer, prima moglie di Manuel García Jr, che da molti fu considerata la diretta erede artistica di Maria Malibran-García.
Il concerto del 25 aprile vuole anche ricordare l’intensa amicizia che legò Pauline Viardot-García e Fryderyk Chopin: verranno eseguite sia Mazurke per pianoforte di Chopin sia Mazurke per canto e pianoforte realizzate dalla Viardot-García sulla base dei lavori chopiniani.

Si tratta di un omaggio a una famiglia che non ha avuto un eguale nella storia della musica occidentale, grazie a esponenti come Manuel García Sr, primo interprete tenorile di celebri lavori rossiniani (fra i quali il Conte d’Almaviva nel Barbiere di Siviglia), Manuel García Jr, eccellente didatta (autore del celeberrimo “Trattato Completo dell’Arte del Canto”) e inventore del laringoscopio, Maria Malibran-García, diva fuoriclasse che raggiunse una fama imperitura nonostante la sua breve vita, Pauline Viardot-García, cantante, compositrice e didatta che ispirò la creatività di alcuni fra i maggiori compositori della sua epoca.

Il progetto è curato da Lucrezia Proietti, pianista e direttrice dell’Associazione Mirabil Eco, e da Alessandro Patalini, baritono e docente del Conservatorio G. Frescobaldi di Ferrara.
L’iniziativa nasce con il patrocinio del CEM-Centre Européen de Musique, fondato e presieduto da Jorge Chaminé. Fra gli obiettivi del CEM, infatti, spicca il restauro della Villa Viardot a Bougival, nei pressi di Parigi, destinato a divenire la sede del Museo che raccoglierà i memorabilia legati alla storia della famiglia García.
Indispensabile un pur breve cenno a un appuntamento che è strettamente legato a questo del 25 aprile: il concerto che si è tenuto il 21 aprile del pianista Costantino Mastroprimiano, riconosciuto specialista della prassi storicamente informata. In programma brani di Rossini, Pleyel, Moscheles che hanno una diretta relazione con i García e verranno eseguiti su un fortepiano copia di un Walter und Sohn (1805 ca).

Queste iniziative sono rese possibili innanzitutto dal sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio Terni e Narni, insostituibile promotore della vita culturale di Terni e Provincia; quindi del Comune di Contigliano (Rieti), impegnato nella valorizzazione della Collezione e dell’Archivio del celebre baritono Mattia Battistini, di AIPAI-Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico-Industriale che incoraggia l’attività culturale e sociale in centri che, come il CAOS di Terni, hanno avuto una lunga storia come siti industriali.

Ulteriori informazioni: associazione@mirabileco.it

In copertina, Manuela Custer

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino