Chiudi

Molfetta, nasce l’Accademia di perfezionamento per strumentisti e cantanti. Manuela Custer tra i docenti

Condivisioni

Un’importante novità per la Città di Molfetta e per la Regione Puglia è l’avvio dell’Accademia di perfezionamento per strumentisti e cantanti. Percorsi di formazione sulla musica antica. L’iniziativa nasce dall’attenzione per la formazione che Digressione Music ha inserito da anni nella sua attività di editore ed etichetta discografica. In collaborazione con esperti della musica antica, è maturata la necessità di costituire uno spazio di perfezionamento anche nella nostra Regione, storicamente ricca di espressioni musicali di vario genere.

Inoltre, l’esperienza di produzioni discografiche di repertori antichi già realizzate (si veda, ad esempio, il CD Passio Domini Nostri Iesu Christi secundum Ioannem di Vito Antonio Cozzoli, 2013 o Il bacio alla barese dell’Orkestra Petronius & Jacopo Raffaele, 2014) ha richiesto specialisti provenienti da altre regioni d’Italia se non dall’estero; questa necessità ha incoraggiato la costituzione a Molfetta di un’Accademia che possa formare e offrire insieme opportunità lavorative con produzioni discografiche a musicisti che abbiano le competenze e soprattutto l’interesse verso questi repertori antichi.

Sotto la direzione artistica di Antonio Magarelli si è sviluppata la ricerca di docenti qualificati ed entusiasti dell’idea, con i quali condividere un percorso organizzativo arduo, ma allo stesso tempo ricco di aspettative e opportunità. Ancora una volta e nonostante tutto, Digressione non si lascia attrarre dalle lusinghe di orizzonti stranieri ma continua a impegnarsi in questa città convinta di dover contribuire a onorare un ricco passato musicale e allo stesso tempo vangare solchi profondi dove riporre semi di cultura che siano speranza di frutti sani e abbondanti per il nostro futuro. Infatti, tra gli obiettivi dell’Accademia particolare importanza assume quello di dare la possibilità agli iscritti, al termine del percorso formativo, di partecipare a produzioni musicali, dove possano sperimentare, insieme ai maestri, quanto appreso durante il corso.

L’Accademia parte con la classe di violino e viola affidata a Alessandro Ciccolini, la classe di violoncello e bassi al a Rebeca Ferri, la classe di canto a Manuela Custer, la classe di Clavicembalo e tastiere storiche a Gaetano Magarelli, infine pratica e prassi per cantanti, musica d’insieme ad Antonio Magarelli.

Le attività si svolgeranno nei nuovi locali del Museo Diocesano di Molfetta e saranno articolate con un week-end mensile a partire da gennaio 2024 per concludersi tra giugno e luglio con il concerto finale. L’accademia è rivolta a studenti (strumentisti e cantanti) e musicisti, che vogliano intraprendere un percorso di approfondimento sulla pratica e la prassi della musica antica, con particolare attenzione al periodo compreso tra i sec. XVII e XVIII. Precipuo intendo dell’Accademia è fornire agli iscritti tutti gli strumenti per un corretto approccio al repertorio musicale cosiddetto “antico”, che valorizzi una lettura storicamente informata tenendo conto degli strumenti musicali, della prassi, dei necessari elementi di paleografia e semiografia musicale, della trattatistica di riferimento. Un approccio alla partitura, quindi, che possa condurre tutti, cantanti e strumentisti, a un’autonomia di lettura e interpretazione che non sia il frutto di un cluster preformato, ma di una “sensibilità consapevole”.

Clicca qui per ulteriori informazioni

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino