Chiudi

Al Regio di Torino torna Aida con la regia del premio Oscar William Friedkin. Dirige Gamba 

Condivisioni

Aida di Giuseppe Verdi è in scena per dieci recite dal 25 febbraio all’8 marzo. Sul podio dell’Orchestra e del Coro del Regio sale Michele Gamba, il quarantenne direttore milanese che affronta l’imponente partitura di Verdi nel celebrato allestimento del regista, Premio Oscar, William Friedkin la cui regia è ripresa da Riccardo Fracchia. Il cast vede protagonisti artisti italiani e stranieri di rilievo internazionale, tra cui: Angela Meade ed Erika Grimaldi che si alternano nel ruolo di Aida; Silvia Beltrami e Anastasia Boldyreva in quello di Amneris; Stefano La Colla e Gaston Rivero in quello di Radamès. Il Coro del Teatro Regio è preparato dal maestro Andrea Secchi.

L’opera fu commissionata a Giuseppe Verdi da Ismail Pascià, viceré d’Egitto, per celebrare l’apertura del canale di Suez. Il soggetto originale venne scritto dal grande egittologo francese e primo direttore del Museo Egizio del Cairo, Auguste Mariette. Il nuovo melodramma, ambientato ai tempi dei faraoni, andò in scena nel 1871, in occasione dell’inaugurazione del Teatro dell’Opera del Cairo. Così nacque Aida, un lavoro in cui templi grandiosi e parate militari fanno da sfondo a una storia appassionante di patriottismo, amore e morte. Aida è una principessa etiope fatta prigioniera dagli Egizi e trasformata in schiava; il suo cuore è diviso, perché desidera tornare nella terra natia ma ama, ricambiata, un nemico, il capitano delle guardie Radamès. I rovesci della fortuna costringono gli innamorati a scegliere tra la patria e l’amore; il finale, tragico e romanticissimo, li congiungerà per l’eternità. Con il suo esotismo, che può assumere tinte delicatissime o sgargianti, e le sue melodie straordinarie, Aida è tuttora uno dei titoli più amati. È infatti impossibile rimanere indifferenti di fronte alla bellezza di pezzi come la Marcia trionfale e Celeste Aida.

Completano il cast: Gevorg Hakobyan come Amonasro, re d’Etiopia e padre di Aida, Evgeny Stavinsky (Ramfis, capo dei sacerdoti), Marko Mimica (il re), Thomas Cilluffo (un messaggero) e Irina Bogdanova (una sacerdotessa). Scene e costumi sono firmati da Carlo Diappi, la coreografia è di Anna Maria Bruzzese, le luci di Andrea Anfossi e le sagome animate di Michael Curry. Thomas Cilluffo e Irina Bogdanova fanno parte del Regio Ensemble, il gruppo interdisciplinare di giovani artisti internazionali che proseguono a Torino la loro formazione e partecipano agli spettacoli della Stagione 2023.

Mercoledì 22 febbraio alle ore 18 nella Sala del Caminetto, appuntamento con la Conferenza-concerto, nuovo format di presentazione delle opere al pubblico, condotto dalla giornalista Susanna Franchi, che unisce la musica e il canto al racconto dei protagonisti.

Dal 9 febbraio, è iniziata la vendita dei biglietti per l’Anteprima Giovani, riservata al pubblico under 30, in scena venerdì 24 febbraio alle ore 20. I biglietti a € 10 sono disponibili on line e in biglietteria, fino a esaurimento dei posti disponibili. Al termine dell’opera, nel Foyer del Toro, nell’ambito del progetto Contrasti si esibirà Atlante & Baobab! Atlante, band torinese formata da Claudio, Andrea e Stefano, che unisce l’alt rock all’elettronica in un febbricitante e introspettivo vortice di suoni che si fonderanno con il pop languido e psichedelico pieno di sonorità soul e rhythm and blues di Gaia, alias, Baobab!, cantautrice ventunenne. I primi 300 under 30 che acquisteranno il biglietto per l’Anteprima di Aida potranno assistere anche a Contrasti: al momento dell’acquisto, occorre scegliere la tipologia prezzo “Anteprima+Contrasti”. Si ricorda che per partecipare a Contrasti occorre ritirare il ticket di accesso al foyer prima dell’inizio dello spettacolo o durante gli intervalli. L’ingresso per l’Anteprima Giovani è riservato agli under 30 e i minori di 14 anni devono essere accompagnati da un maggiorenne under 30.

In occasione della messa in scena di AidaMuseo Egizio e Teatro Regio hanno stretto un accordo per rendere più accessibili al pubblico le proprie offerte culturali. Il Museo Egizio offre un ingresso scontato, a € 15 anziché € 18, ai possessori del biglietto per lo spettacolo Aida o di un abbonamento al Teatro Regio che lo includa. Il biglietto ridotto potrà essere acquistato solo nello shop online tramite la finestra appositamente creata per il Teatro Regio. Al momento della visita al Museo Egizio, sarà sufficiente mostrare in cassa il biglietto dello spettacolo. Il Teatro Regio offre il 10% di sconto sui biglietti delle recite di Aida a tutti i visitatori del Museo Egizio. Per ottenere la riduzione sarà sufficiente mostrare il biglietto del Museo Egizio alla Biglietteria del Teatro Regio di piazza Castello 215.

Il Teatro Regio dedica l’incasso della prova generale di Aida a sostegno di “Viva Verdi”, un programma di iniziative straordinarie in tutta Italia al fine di acquisire e valorizzare la casa-museo di Giuseppe Verdi a Sant’Agata di Villanova sull’Arda.

In tutte le recite serali il pubblico ha la possibilità di degustare una cena a buffet nel Foyer del Toro durante l’intervallo: Opera buffet si può acquistare online al costo di € 27 oppure direttamente la sera dello spettacolo, presso le casse nel foyer d’ingresso, a € 30.

Per la recita di Aida, in programma domenica 26 febbraio alle ore 15è attivo Bimbi Club. Il servizio è rivolto a genitori e/o nonni che desiderano godersi lo spettacolo, mentre i bambini (dai 6 ai 10 anni) partecipano a divertenti laboratori di canto e di danzaa partire dalle ore 14.30 e fino al termine della recita. È consigliata la prenotazione e la merenda al sacco. Il costo di Bimbi Club è di € 10 e per accedere è necessario essere in possesso del biglietto per lo spettacolo.

Ulteriori informazioni: www.teatroregio.torino.it

Photo: Ramella & Giannese

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino