Chiudi

Al Municipale di Piacenza, una nuova produzione del Trovatore. Dirige Beltrami

Condivisioni

La Stagione d’Opera 2022/23 del Teatro Municipale di Piacenza prosegue con uno dei titoli più attesi, Il trovatore di Giuseppe Verdi, in scena venerdì 3 marzo alle 20 e domenica 5 marzo alle 15.30. L’anteprima per le scuole è in programma mercoledì 1 marzo alle 15.30. Seconda opera verdiana della Stagione del Municipale dopo Rigoletto, per celebrare i 210 anni dalla nascita del sommo compositore, oltre che secondo titolo della celebre “trilogia popolare”, Il trovatore vedrà sul podio Matteo Beltrami, maestro concertatore e direttore che ha lavorato nella maggior parte dei teatri italiani e tra i migliori interpreti del repertorio italiano all’estero. Dirigerà l’Orchestra Filarmonica Italiana e il Coro del Teatro Municipale di Piacenza preparato da Corrado Casati.

Il dramma – tratto da El Trovador di Antonio Garcia Gutierrez – su libretto di Salvadore Cammarano, che debuttò in prima assoluta 170 anni fa, il 19 gennaio 1853, ottenendo da subito un travolgente successo, vedrà in questo nuovo allestimento quattro affermati protagonisti. Il Conte di Luna sarà il baritono Ernesto Petti, che ha preso parte a diverse edizioni del progetto Opera Laboratorio a Piacenza e canta attualmente in importanti teatri, dal San Carlo di Napoli alla Fenice di Venezia; Leonora sarà interpretata da Chiara Isotton, soprano dalla brillante carriera che ha recentemente debuttato al Metropolitan di New York; a vestire i panni della zingara Azucena sarà Anna Maria Chiuri, mezzosoprano tra i più richiesti e apprezzati e ospite regolare dei maggiori palcoscenici italiani ed europei;  Manrico sarà Angelo Villari, tenore di notevole esperienza vocale e scenica, consolidata a livello internazionale. Completano il cast il Ferrando di Giovanni Battista ParodiIlaria Alida Quilico (Ines), Andrea Galli (Ruiz), Domenico Apollonio (Un vecchio zingaro) e Lorenzo Sivelli (Un messo).

A dominare lo spazio un’imponente scatola scenica “che nel suo scomporsi e ricomporsi evoca in modo astratto torri, macchine da guerra medievali, spazi claustrofobici di prigionia”, come spiega il regista Stefano Monti, che firma anche le scene – con Allegra Bernacchioni – e i costumi, mentre le luci sono di Fiammetta Baldiserri. “Il tema del fuoco, simbolo del Trovatore, inteso come metafora delle passioni amorose, carnali, talvolta brucianti e distruttive, dei desideri di vendetta ed evocativo della pira” – prosegue il regista – ritorna nel “rosso fuoco materico intriso di nero carbonizzato che costituisce la materia dell’incombente scatola scenica, e che avvolge in un irreversibile destino comune le vite dei nostri personaggi”. Non solo il fuoco ma anche l’ombra tra gli elementi simbolici dell’opera: “Una presenza-assenza genera la vicenda del Trovatore, ovvero ciò che si palesa nel prologo, l’ombra della madre di Azucena il cui sacrificio genera la vicenda”, spiega Monti. Un tema che prende corpo grazie alla presenza delle ombre del Teatro Gioco Vita di Piacenza, ideate da Agnese Meroni, in nuove contaminazioni di diversi linguaggi della scena: “Il tema dell’ombra si fa ossessione, intesa anche come buio, tratto distintivo del titolo in questione, come notturno – dichiara il regista – e diviene oscurità dei vissuti dei personaggi”.

Il nuovo allestimento de Il Trovatore, le cui prove sono riprese in questi giorni dalle telecamere di Prima della prima, lo storico programma di Rai Cultura che svela il “dietro le quinte” della messa in scena delle opere, dopo il debutto al Municipale di Piacenza tornerà in scena nella prossima stagione nei Teatri coproduttori di ModenaLivornoSavona e Lucca.

Due gli appuntamenti collaterali alle rappresentazioni del Trovatoregiovedì 2 marzo alle 18, nel foyer del Teatro Municipale, ritorna #AperiOpera con gli studenti del Liceo Respighi di Piacenza, che introdurranno la trama e i brani più celebri in un originale approfondimento tra recitazione e musica, questa volta anche con la presenza del Coro del Liceo Respighi.

Domenica 5 marzo alle 11, al Ridotto del Teatro, verrà presentato il libro V e W – Perché non possiamo fare a meno di Giuseppe Verdi e Richard Wagner. Sarà presente il critico musicale Alberto Mattioli che dialogherà con Fabio Larovere, autore del volume insieme ad Andrea Faini, in un incontro aperto al pubblico a ingresso libero.

Ulteriori informazioni: www.teatripiacenza.it

Photo: Cravedi

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino