Chiudi

Addio al compositore Burt Bacharach. Tre volte premio Oscar, aveva 94 anni

Condivisioni

È morto a 94 anni il compositore statunitense Burt Bacharach. Era nato il 12 maggio 1928 a Kansas City. Considerato uno dei più grandi songwriter americani degli anni ‘60 e uno dei compositori più importanti del ventesimo secolo, con i suoi brani ha ottenuto una miriade di riconoscimenti tra cui sei Grammy e tre Oscar. Burt Bacharach è riuscito a entrare nella Top 10 dei migliori successi dagli anni 50 al XXI secolo, con pezzi leggendari come “Alfie”, “I Say a Little Prayer”, ‘I’ll Never Fall in Love Again’ e “This Guy’s in Love with You”.

Una delle caratteristiche che ha portato Bacharach a emergere è stata la sua creatività inesauribile: ha dato alla luce dozzine di classici intramontabili, in grado di competere con le opere di Porter, Gershwin o Berlin. Il suo repertorio (48 successi da Top 10, nove numeri 1 e oltre 500 composizioni) continua a ottenere riconoscimenti discografici e a offrire intramontabili modelli creativi. Il suo pubblico abbraccia diverse generazioni, con una personalità carismatica, che gli ha consentito di superare i limiti generazionali scrivendo alcuni fra i più acclamati brani nella storia della musica.

Negli ultimi anni stava ancora testando nuove strade, scrivendo i propri testi e registrando con il rapper Dr. Dre. Dionne Warwick era la sua interprete preferita, ma Bacharach ha creato canzoni anche per Aretha Franklin, Dusty Springfield, Tom Jones e molti altri. Elvis Presley, i Beatles e Frank Sinatra sono stati tra gli innumerevoli artisti che hanno eseguito i suoi brani, con artisti più recenti che lo hanno cantato o campionato tra cui White Stripes, Twista e Ashanti. Solo “Walk On By” è stato eseguita da Warwick e Isaac Hayes, dalla band punk britannica The Stranglers fino a Cyndi Lauper.

Cresciuto con il jazz e la musica classica, aveva poca sintonia con il rock quando ha fatto irruzione nel business negli anni 50. La sua sensibilità spesso sembrava più allineata con Tin Pan Alley che con Bob Dylan, John Lennon e altri autori che emersero in seguito, ma i compositori rock apprezzarono la sua sensibilità. Ha vinto otto Grammy e tre Oscar, due negli anni 70 per la colonna sonora di Butch Cassidy and the Sundance Kid e per la canzone “Raindrops Keep Fallin on My Head”. Nel 1982, lui e l’allora moglie, la paroliera Carole Bayer Sager, vinsero l’Oscar per “Best That You Can Do”, il tema del film Arturo. Nel 2012 gli è stato conferito il Premio Gershwin dal presidente Barack Obama, che aveva cantato anche alcuni secondi di “Walk on By” durante un’apparizione elettorale.

Photo: Photofest

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino