Chiudi

Treviso, grandi voci al gala lirico che ricorda Mario Del Monaco a 40 anni dalla scomparsa

Condivisioni

In attesa dell’inaugurazione della nuova stagione 22/23 con il debutto del Rigoletto il prossimo 4 novembre, il sipario del Teatro Mario del Monaco si alza in anteprima con un appuntamento d’eccezione: il gala lirico in onore di Mario del Monaco che domenica 16 ottobre – giorno della ricorrenza della sua scomparsa nel 1982 – radunerà sul palcoscenico trevigiano, a partire dalle ore 20, alcune stelle del panorama lirico internazionale. A quarant’anni dalla scomparsa del grande tenore, il teatro a lui intitolato renderà omaggio a questo artista così legato alla città di Treviso con una serata di gala che vuole essere anche il primo passo verso un percorso di riscoperta e valorizzazione della sua figura e che vedrà anche l’istituzione, a partire dal 2023, di un premio alla carriera a lui dedicato.

Protagonista della serata il repertorio operistico che ha reso Del Monaco una tra le stelle più fulgide della storia dell’opera lirica, affidato a grandi voci: dal soprano Anna Pirozzi al mezzosoprano Daniela Barcellona, dal tenore Ramon Vargas al soprano Lana Kos, al baritono Vladimir Stoyanov. Non mancheranno poi alcune eccellenze trevigiane e venete il cui talento è riconosciuto in tutto il mondo: il basso Riccardo Zanellato, il tenore Walter Fraccaro, il baritono Lucio Gallo, il baritono Elia Fabbian e il basso Roberto Scandiuzzi. Ad affiancare questi grandi interpreti anche due giovani promesse che proprio sul palcoscenico trevigiano hanno recentemente dato prova del proprio talento: il soprano Francesca Pia Vitale e il tenore Davide Tuscano, proclamati lo scorso 11 giugno vincitori del 50° Concorso Internazionale per cantanti “Toti Dal Monte”. Ad accompagnare le arie e i duetti sarà l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta diretta dal Maestro Gianluca Martinenghi, mentre a condurre la serata sarà Livia Azzariti, da sempre volto della programmazione Rai.

Considerato uno dei più grandi tenori di tutti i tempi, Mario Del Monaco, fiorentino di nascita ma trevigiano d’adozione, si esibì per la prima volta nel teatro che da undici anni porta il suo nome nel 1943, nel ruolo di Edgardo in Lucia di Lammermoor. A quella prima fortunata recita ne seguirono negli anni molte altre: La bohème nel 1944, Tosca nel 1945, Madama Butterfly nel 1946, Carmen nel 1948, Otello nel 1951, e dieci anni più tardi, Sansone e Dalila. Personaggio dal grande carisma e fascino, Del Monaco è stato anche ambasciatore della cultura italiana nel mondo, dimostrando di poter traghettare l’opera lirica dai chiusi velluti del teatro ai mass media dell’epoca. Nel 1941 prese dimora alle porte di Treviso, a villa Luisa di Lancenigo, dove scelse di vivere fino alla morte, avvenuta proprio il 16 ottobre del 1982, dedicandosi con passione all’insegnamento.

I biglietti per lo spettacolo sono in vendita presso la biglietteria del Teatro Mario Del Monaco e online sul sito www.teatrostabileveneto.it

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino