Chiudi

Roma, Santa Cecilia: John Eliot Gardiner dirige “La Creazione del mondo” di Haydn

Condivisioni

Non poteva essere altri che Sir John Eliot Gardiner – uno dei nomi più importanti dell’interpretazione del repertorio barocco, classico e romantico – a dirigere l’Orchestra e il Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (Auditorium Parco della Musica, Sala Santa Cecilia giovedì 13 gennaio ore 19.30, repliche sabato 15 ore 18.00 e domenica 16 ore 18.00) nella Creazione del mondo di Franz Joseph Haydn, uno dei brani più famosi e celebrati del primo Ottocento che lo stesso autore considerava la sua composizione più rappresentativa, nonostante la sua produzione musicale fosse estesissima. In questa occasione, per la prima volta nelle stagioni concertistiche di Santa Cecilia, l’Oratorio verrà eseguito nella versione con il testo in italiano preparato da Giuseppe Carpani per un’esecuzione degli Accademici Filarmonici Romani nel 1825.

Scritto tra il 1796 e il 1798, questo Oratorio è la rappresentazione metaforica in musica del passaggio dal Caos primordiale all’armonia del mondo creato e della Natura e per il pubblico dell’epoca doveva essere un simbolo e un’apoteosi, musicale e umana. Nella percezione degli ascoltatori il brano celebrava i valori dell’Illuminismo ma allo stesso tempo scacciava ed esorcizzava le paure della Rivoluzione e gli eccessi del Terrore. L’idea centrale della partitura è infatti quella di dare forma e ordine al mondo intero attraverso le note: man mano che il brano procede sentiamo dissolvere le tenebre e il Caos e nascere uno dopo l’altro i fenomeni naturali, il mondo vegetale, il regno animale e infine l’uomo. E tutto ciò su uno sfondo religioso.

L’idea fu elaborata a partire da un libretto che Haydn aveva ricevuto dal suo impresario londinese e il cui contenuto era ispirato alla Genesi e al Paradiso perduto di John Milton. Negli anni londinesi, Haydn aveva avuto modo di conoscere gli oratori di Händel che nella capitale inglese erano molto apprezzati dal pubblico. Il testo del libretto in tedesco (e in inglese) della Creazione di Haydn fu elaborato a Vienna da Gottfried van Swieten ambasciatore imperiale, appassionato fautore del repertorio händeliano.

Le parti solistiche sono affidate a Lenneke Ruiten soprano, Giovanni Sala tenore e Roberto Lorenzi basso.

Ulteriori informazioni: www.santacecilia.it

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino