Chiudi

Kiev vieta gli autori russi. E a Ferrara l’Ukrainian Ballet non esegue Il lago dei cigni

Condivisioni

Nota di Marcello Corvino, direttore artistico della Fondazione Teatro Comunale di Ferrara.

“Il governo ucraino ha recentemente imposto il divieto a tutti i suoi artisti di interpretare opere di autori russi. La direzione del Teatro Comunale di Ferrara non condivide il divieto. La cultura russa è patrimonio dell’umanità e della cultura occidentale in particolare, non è emanazione del governo russo. La cultura deve unire, costruire ponti tra popoli, non dividere.

Nonostante la nostra divergenza di vedute con il Ministero della cultura ucraino, per non esporre gli artisti ospiti del nostro Teatro a violazioni delle leggi emanate nel proprio Paese, abbiamo condiviso con i danzatori ucraini l’idea di un cambio di programma. Pertanto, il 9 aprile al posto de Il lago dei cigni di Pëtr Il’ič Čajkovskij, l’Ukrainian Classical Ballet eseguirà un’antologia di coreografie tratte da celebri balletti. Il titolo scelto per la serata è Ukraina Gran Gala Ballet.

Il programma prevede l’esecuzione delle seguenti coreografie dal repertorio della compagnia:

1° tempo
“Chopiniana” di Frédéric Chopin

2° tempo
“Le Corsaire” (Pas de deux) di Adolphe Adam
“La morte del cigno” di Camille Saint-Saëns
Duetto maschile dal balletto “QUATRO” di Milko Lazar
“Adagio Paquita” di Ludwig Minkus
Duet from ballet “Radio and Juliet” dei RadioheadGrand pas Don Quixote di Ludwig Minkus
Coreografie dal repertorio della compagnia.

In copertina, L’Ukrainian Classical Ballet in Giselle
Photo: Marco Caselli Nirmal

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino