Chiudi

Il ritorno di Anna Netrebko: tutto esaurito per il concerto alla Scala di Milano

Condivisioni

Tutto esaurito per Anna Netrebko che venerdì 27 maggio debutta nella Stagione dei Recital di canto al Teatro alla Scala insieme al mezzosoprano Elena Maximova, al giovane violinista italiano Giovanni Andrea Zanon e al pianista Malcolm Martineau. Un programma che ha ottenuto un autentico trionfo ieri, 25 maggio, alla Philharmonie di Parigi, dove l’artista è stata accolta già al suo ingresso da un’interminabile ovazione, cui sono seguiti lunghi applausi dopo ogni brano e una entusiasta standing ovation alla fine.

“Ogni volta che posso cantare al Teatro alla Scala mi sembra di tornare a casa”, ha dichiarato l’artista. “Ho partecipato a così tanti spettacoli e ho avuto l’onore di essere protagonista di così tante prime in questo mitico teatro che occupa un posto speciale nel mio cuore. Dopo la delusione di aver dovuto rinunciare alle rappresentazioni di Adriana Lecouvreur all’inizio dell’anno, sono particolarmente felice di tenere il mio primo recital con pianoforte alla Scala. Non vedo l’ora di condividere tanta meravigliosa musica con gli appassionati milanesi venerdì 27 maggio”.

Il programma del concerto, particolarmente generoso, si apre con l’aria “Io son l’umile ancella” da Adriana Lecouvreur di Francesco Cilea, un gesto di affetto verso il pubblico che in questa parte l’aspettava nel marzo scorso. Il percorso tra grandi pagine d’opera del repertorio italiano, francese e russo comprende anche “Depuis le jour” da Louise di Charpentier, “Stridono lassù” da Pagliacci di Leoncavallo, il duetto da La dama di picche di Čajkovskij, la Barcarolle dai Contes d’Hoffmann di Offenbach. L’impaginato include una ricca selezione di Lieder e brani da camera di Rachmaninov, Rimskij-Korsakov, Richard Strauss, Debussy, Dvořák, Leoncavallo, Moore e Tosti.

Il 7 dicembre 2021 con la parte di Lady in Macbeth di Verdi Anna Netrebko è stata per la quinta volta protagonista dell’inaugurazione scaligera: la quarta con Riccardo Chailly con cui pochi mesi prima aveva registrato insieme all’Orchestra della Scala l’album di arie in italiano e in tedesco “Amata dalle tenebre” per Deutsche Grammophon. Alla Scala il più celebre soprano del nostro tempo ha debuttato nel 1998 con un concerto della Filarmonica diretto da Valery Gergiev; sempre Gergiev la dirige due anni più tardi in Guerra e pace di Prokof’ev. Torna quindi come Donna Anna in Don Giovanni diretto da Daniel Barenboim il 7 dicembre 2011, come Mimì ne La bohème diretta da Daniele Rustioni nel 2012, Giovanna d’Arco per il 7 dicembre 2015 diretta da Riccardo Chailly, come Violetta ne La traviata diretta da Nello Santi nel 2017, e ancora con Riccardo Chailly come Maddalena di Coigny in Andrea Chénier il 7 dicembre 2018 e come Tosca il 7 dicembre 2019.

La Stagione dei Recital di canto 2021/2022 si conclude il 4 settembre con Asmik Grigorian in un programma dedicato a Rachmaninov con il pianista Lukas Geniusas. Dopo il trionfale debutto scaligero in Die tote Stadt nel 2019 l’artista è tornata alla Scala nel 2022 come protagonista della Dama di picche.

Ulteriori informazioni: www.teatroallascala.org

Photo: Brescia e Amisano

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino