Chiudi

Traviata a Palermo: Simone Piazzola raggiunge le 185 recite come papà Germont

Condivisioni

Ha raggiunto il traguardo delle 185 recite nel ruolo di Giorgio Germont il baritono veronese Simone Piazzola, che ha interpretato questo ruolo, ieri sera, nella Traviata di Giuseppe Verdi, al Teatro di Verdura di Palermo, nell’ambito della stagione estiva della Fondazione Teatro Massimo (con replica l’11 luglio alle 21.15). Il baritono veronese ha riscosso grande successo da parte del pubblico, in particolare dopo l’esecuzione dell’aria “Di Provenza il mar, il suol”.

Per Piazzola, reduce dal debutto nei panni di Amonasro nell’Aida all’Arena di Verona, lo scorso 1 luglio, il ritorno nel capoluogo siciliano è sempre un momento tanto atteso. “È un onore per me ritornare a Palermo e riproporre il mio amato ruolo di Germont nella Traviata al Teatro di Verdura, per la stagione estiva 2021 del Teatro Massimo di Palermo. Un ruolo che mi ha dato tanto e mi ha portato a maturare la mia visione del personaggio: non va visto come un padre egoista ma come un uomo che mette davanti a tutto il bene della sua famiglia e in buona fede cerca i mezzi per dar loro il meglio, non un uomo senza cuore che vuol prevalere sugli altri ma un uomo che sa cambiare idea, usar giudizi. Un uomo che sa giungere ad un cambio di rotta pentendosi del suo comportamento e riconoscendo, con umiltà, i propri limiti. Un grande insegnamento per chi pensa di avere sempre la verità assoluta in mano senza mai pensare che a volte bisogna guardare la realtà con sensibilità ed occhi diversi”, ha spiegato Simone Piazzola.

Il baritono, dopo La traviata a Palermo, sarà ancora Germont all’Arena di Verona il prossimo 16 luglio e 2 settembre. A Palermo Piazzola sarà ancora diretto da Michele Spotti. Il cast sarà composto da Pretty Yende nel ruolo di Violetta Valéry, Carlotta Vichi sarà Flora, Piera Bivona vestirà i panni di Annina, David Astorga, invece, sarà Alfredo Germonte Blagoj Nacoski interpreterà Gastone. Il Barone Douphol sarà Giuseppe Esposito, il Marchese D’Obigny Salvatore Grigoli, il Dottor Grenvil Adriano Gramigni, un commissionario / domestico di Flora Antonio Barbagallo, Giuseppe Carlo Morgante, la Zingarella Francesca Bellone, Matadores Alessandro Casà, Diego Mulone.

Photo credit: Francesca Marta

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino