Chiudi

Trapani, la tradizione dei Misteri sulle note dello Stabat Mater di Pergolesi

Condivisioni

È stato presentato il primo spettacolo della Stagione 2021 dell’Ente Luglio Musicale Trapanese: La tradizione dei Misteri sulle note dello Stabat Mater, opera da camera su musiche di Giovanni Battista Pergolesi che sarà trasmessa in streaming l’1 e 2 aprile prossimi. “Gli ultimi dodici mesi sono stati caratterizzati da una parola di cui tutti abbiamo sperimentato i diversi aspetti: privazione” spiega il neo direttore artistico dell’Ente, il Maestro Matteo Beltrami. “Per alcuni ha significato privarsi della propria libertà, della possibilità di vivere la normale quotidianità; per altri privarsi di un affetto e di persone care, a cui spesso non si è potuto nemmeno dare l’ultimo saluto. A Trapani, in queste poche settimane, ho compreso che esiste un senso di privazione che accomuna tutti i cittadini: quello di non poter effettuare per il secondo anno consecutivo, la Processione dei Misteri. Questo è vissuto dai Trapanesi al pari di un vero e proprio lutto. Quello che vedrete non vuole essere una copia più o meno riuscita di una tradizione di per sé unica, inimitabile e impossibile da riproporre se non nella sua forma originale e perfetta. Piuttosto, attraverso una nuova forma d’arte scaturita da una miscela di musica, arti figurative e discipline coreutiche, vogliamo accompagnare lo spettatore in un viaggio interiore così che possa cogliere il significato intrinseco di questo rito religioso e riscoprire la verità della propria anima attraverso l’incanto dell’espressione artistica. Perché la Bellezza, per chi la sa guardare, ascoltare e assorbire, è salvifica.”

Il regista dello spettacolo è Renato Bonajuto, conosciuto a Trapani per aver già firmato in passato numerosi allestimenti. Lo affiancano il coreografo Giuliano De Luca e una schiera di giovani talenti trapanesi: lo scenografo e costumista Danilo Coppola, il light designer Giuseppe Saccaro, il regista delle riprese televisive, Francesco Siro, i ballerini e il Maestro al basso continuo, Mirco Reina. Prenderanno parte all’evento i Tamburi dell’Unione Maestranze e “Gli Archi del Luglio Musicale Trapanese” in cui suoneranno alcuni allievi del Conservatorio A. Scontrino con cui l’Ente ha siglato un importante accordo di collaborazione: alla conferenza di presentazione la direttrice Elisa Cordova ha sottolineato l’importanza di aver istituzionalizzato per la prima volta il rapporto tra le due principali realtà culturali trapanesi.

Interpreterà l’immortale capolavoro pergolesiano un cast di livello internazionale: il soprano Desirée Rancatore e il contralto Aurora Faggioli, mentre l’orchestra sarà diretta dalla giovane direttrice d’orchestra trapanese Manuela Ranno.

Il sindaco Giacomo Tranchida e l’assessore Rosalia D’Alì: “Abbiamo accolto con grande entusiasmo la proposta del direttore artistico Maestro Beltrami di portare in scena La tradizione dei Misteri sulle note dello Stabat Mater. Un’iniziativa che ha colto il nostro favore anche perché coinvolge gli artisti del territorio nella rappresentazione di una tradizione che appartiene alla città di Trapani. L’evento ha un valore oltre che artistico anche simbolico perché la cultura e le tradizioni non possono essere fermate da nulla; speriamo poter tornare al più presto alla normalità e continuare a godere dell’arte in ogni sua manifestazione, per adesso stringiamoci virtualmente sulle note della Stabat Mater“.

L’Amministrazione Comunale desidera dedicare lo Stabat Mater a tutti coloro che, durante la pandemia, hanno subito la perdita di un familiare. L’evento è in collaborazione con l’Unione Maestranze e la Diocesi di Trapani.

Non essendo possibile assistervi in presenza a causa delle restrizioni dovute alla pandemia di Covid-19, lo spettacolo sarà trasmesso in anteprima sulla piattaforma streaming OnTheater il Primo di Aprile (a pagamento) e gratuitamente dalle ore 20.30 del 2 Aprile sui canali YouTube dell’Ente Luglio Musicale Trapanese, dell’Unione Maestranze, del Conservatorio A. Scontrino e su quelli delle emittenti televisive locali che lo trasmetteranno anche in televisione e verrà condiviso sulla pagina Facebook del Comune della Città di Trapani, e Trapani capitale delle culture euromediterranee.

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino