Chiudi

Tosca, Turandot, Bohème e il tema del bacio per il 67° Festival Puccini. Ecco il cartellone

Condivisioni

Fedele alla propria missione, la Fondazione Festival Pucciniano guarda con fiducia e ottimismo alla prossima estate e presenta per l’edizione 2021 del Festival Puccini un programma ricco di novità, che si snoderà lungo i mesi dal 23 luglio al 22 agosto 2021 tra opera, concerti, eventi speciali, in un cartellone che, riprendendo il filo della stagione 2020, fa dialogare tradizione e contemporaneità. Un festival, quello ideato da Giorgio Battistelli, che affianca alle opere del grande repertorio eventi e attività ispirate dalla creatività dei nostri giorni e dai linguaggi contemporanei.

Tanti Baci è il titolo scelto per 67ma l’edizione del Festival: fil rouge che unisce i tanti eventi a partire dalle tre opere in cartellone: Tosca, Turandot e La bohème. Il bacio vissuto in tutte le sue sfaccettature ed esplorato attraverso nuove composizioni. Il bacio che nel teatro musicale, così come nell’arte figurativa, nella poesia e nella letteratura, è uno dei gesti più romantici, capace di esprimere, senza bisogno di spiegazioni, la profondità del sentimento e le sue emozioni. Quel bacio che vuol dire anche amore, simbolo del tempo che viviamo. Quel bacio che idealmente la Fondazione Festival Pucciniano intende dare alla musica, al teatro, agli artisti, al proprio pubblico e a quanti hanno dovuto rinunciare a quel gesto che è amalgama di sentimento, sensualità, passione, coup de théâtre. Un tema quello del bacio che viene anche “rappresentato” nell’immagine del Festival Puccini 2021, un sipario che si apre sul dipinto The Lovers di Magritte, genio del surrealismo che dipingeva sogni e che esprime quell’impossibilità dell’amore che il mondo tutto, oggi, sta provando; ma anche quel desiderio di ritrovarsi e di poter tornare a manifestare con i gesti più significativi i propri sentimenti. Il sipario che si apre è il segno della speranza, della volontà di far riaprire i teatri e di far ripartire la musica, lo spettacolo e il desiderio di lenire attraverso la musica quel dispiacere che ci costringe ancora oggi a rinunciare ai nostri abituali gesti di affetto.

Il cartellone

Giorgio Battistelli firma la 67ma edizione del Festival Puccini. Un cartellone che porta in scena 3 titoli d’opera per 10 rappresentazioni: Tosca che vedrà il debutto nella regia di Stefana Sandrelli, un nuovo allestimento di Turandot, coprodotto con il Teatro Goldoni di Livorno che porta la firma di un grande regista come Daniele Abbado; e La bohème nella ripresa dello spettacolo di cui firmò la regia Ettore Scola, affidata a Marco Scola di Mambro, già assistente del compianto regista. Un Festival che anche nel 2021 dialoga con il suo tempo e che della storia e del patrimonio culturale pucciniano si nutre per diventare storia, creare legami e sintonie tra passato e presente e mostrare differenze, cambiamenti, evoluzioni.

Puccini la musica e il mondo

“Giacomo Puccini è senza dubbio uno dei compositori tra i più attenti ai cambiamenti, aperto alla modernità e da questo suo spirito di apertura verso il nuovo, verso l’oggi che traiamo lo spunto per coinvolgere artisti del nostro tempo” dichiara Battistelli. Il Festival Puccini diventa contenitore produttivo e anche nel 2021 “committente” di nuove opere: con lo spettacolo Tanti baci che vede protagonisti, giovani compositori e lo scrittore e poeta Franco Marcoaldi che di Tanti baci è autore dei testi; un nuovo spettacolo anche quello del 2 agosto che riporta Stefano Massini sul palcoscenico per parlarci del modernissimo Enrico Caruso a 100 anni dalla scomparsa. Toni Servillo con Giuseppe Montesano saranno i protagonisti del “Melologo- Concerto su e con Puccini” in cui i protagonisti ammettono di non apprezzare il “melodico” Puccini per arrivare alla fine dell’ascolto a comprenderne la straordinaria genialità. Si ascrive alla sperimentazione anche la proposta della rappresentazione del Pierrot Lunaire di A. Schonberg in collaborazione con l’Accademia del Teatro alla Scala che avrà nel Gran Teatro Giacomo Puccini la residenza per i suoi giovani musicisti che resteranno a Torre del Lago per una settimana. Sul podio dell’Orchestra del Festival Puccini torna Roberto Abbado per il Concerto Sinfonico in programma il 5 agosto.

Gli spettacoli del Festival si svolgeranno anche a Viareggio in vari spazi della città e faranno da trait d’union con il Premio Viareggio e il Carnevale di Viareggio, per un’estate di musica e cultura. Come lo scorso anno, il Festival si concluderà con la Puccini Promenade, un grande happening che coinvolgerà i Viali a Mare della Città. Il podio dell’Orchestra del Festival Puccini è affidato a direttori di provata esperienza Alberto Veronesi, John Axelrod, Enrico Calesso, a cui è affidata rispettivamente la direzione di Tosca, Turandot e La bohème; Roberto Abbado, Gianna Fratta e Marco Angius a cui è affidata la direzione d’orchestra degli altri eventi.
Il Festival Puccini 2021 sarà anche occasione per ascoltare nuove voci; artisti già attivi nel panorama internazionale che calcheranno per la prima volta il palcoscenico del Gran Teatro Giacomo Puccini. Nel cast, curato da Clarry Bartha, nuova casting director della Fondazione, tanti debutti sul palcoscenico di Puccini, sarà la prima volta a Torre del Lago del tenore Vincenzo Costanzo, Cavaradossi; del baritono Franco Vassallo Scarpia; di Ivan Magrì Calaf e di Ivan Avon Rivas Rodolfo. I soprani che calcheranno per la prima volta il palcoscenico di Puccini Catherine Naglestad, Turandot, Polina Pastirchak sarà Mimì e Maria Chabounia Musetta, mentre nel ruolo di Floria Tosca ritorna a Torre del Lago di Hiromi Omura.

Intanto insieme alla Città e a tutte le istituzioni che lavorano nel nome di Giacomo Puccini a Lucca, Pescaglia, Viareggio e Torre del Lago  Puccini si sta già lavorando al programma delle Celebrazioni Pucciniane del 2024 e del 2026 che mirano alla valorizzazione dell’immenso patrimonio musicale e culturale del grande compositore toscano tra gli italiani più amati al mondo.

Un network toscano

La Fondazione Festival Pucciniano punta con decisione anche ad unire le forze del ricchissimo tessuto musicale e teatrale della Toscana, oltre alla coproduzione con il Teatro Goldoni di Livorno, sono già stati siglati importanti accordi con l’Associazione Musicale Lucchese, con il Conservatorio Luigi Boccherini di Lucca e con il Teatro del Giglio di Lucca con il quale è già programmata la coproduzione di Manon Lescaut che andrà in scena nel 2022 al Festival Puccini insieme ad una nuova produzione di Madama Butterfly che sarà firmata per la regia da Graham Vick.

Le opere

Tosca (23 luglio/6-13 agosto)
Regia Stefania Sandrelli
Direttore Alberto Veronesi
Scene Andrea Tocchio
Floria Tosca Hiromi Omura
Mario Cavaradossi Vincenzo Costanzo
Il Barone Scarpia Franco Vassallo
Cesare Angelotti Martin Summer, Spoletta Nicola Pamio

Stefania Sandrelli per il suo debutto in veste di regista lirico firma Tosca che inaugura il 23 luglio l’edizione n° 67 del Festival Puccini. «Amo tutto Puccini. Sono cresciuta ascoltando le sue arie. Nonno Pietro era un melomane. – Dichiara Sandrelli – Me le cantava tenendomi in braccio stretta a lui. “E lucevan le stelle” mi fa venire i brividi ogni volta. Nonno conosceva Puccini, lo frequentava al Gran Caffè Margherita di Viareggio. Ed io ho trasmesso a mia figlia Amanda questo amore per Puccini e anche a mio nipote Rocco. Tosca esprime la passione, l’amore, è un’opera che sento molto e finalmente posso coronare il sogno di dirigere Tosca a Viareggio davanti al lago di Puccini”

Turandot (24-30 luglio/14-20 agosto)
con finale composto da Luciano Berio nel 2001
Nuovo allestimento, coproduzione con il Teatro Goldoni di Livorno
Regia Daniele Abbado, Direttore John Axelrod
Scene Angelo Linzalata, Costumi Giovanna Buzzi

La Principessa Turandot Catherine Naglestad
Il Principe Ignoto Ivan Magrì
Liù Emanuela Sgarlata
Ping Giulio Mastrototaro, Pong Marco Miglietta, Pang Andrea Giovannini

Per la prima volta a Torre del Lago, l’incompiuta pucciniana andrà in scena con il finale che Luciano Berio compose nel 2001 lavorando su 23 dei 30 appunti lasciati da Puccini; un finale che si compone di complessive 307 battute di cui 133 riprese dagli appunti di Puccini e 174 composte da Berio. Il finale di Luciano Berio, più impegnativo dal punto di vista vocale, vide la sua prima assoluta nel 2002 al Festival delle Canarie e mai eseguito al Festival Puccini.

Una nota di Daniele Abbado
“Questa realizzazione muove dalla considerazione di Turandot come opera che sta appieno nel percorso teatrale del novecento. Un’opera che ci consegna a un universo in cui coesistono mondi diversi. La favola musicata da Puccini ci spinge verso una narrazione non letterale né tantomeno realistica. Si parte da una situazione archetipica: il mondo che irrompe in scena è in preda a una paralisi, in una situazione di crisi diffusa. Non si conosce l’origine di questa crisi, probabilmente è stata dimenticata. E, come nell’archetipo, restano da svelare degli enigmi. Nel racconto scenico emerge una catena di traumi che premettono al trauma principale, quello della Regina Turandot, che ne reincarna uno lontanissimo. Siamo all’interno della dualità maschile – femminile, una dualità irrisolta. Questo clima di allucinazione collettiva può essere superato solamente con atti che ripristino la conoscenza. Per questo il ruolo e la funzione del giovane principe senza nome assumono fin dall’inizio il carattere della necessità. Le tre Maschere sono parte essenziale del racconto, indicano che c’è un ruolo decisivo del Teatro. Il Teatro come luogo delle vicende interiori più inafferrabili ma anche come luogo di possibili svelamenti. Puccini non riuscì a completare Turandot. Anche con l’importante apporto di Luciano Berio, questo racconto scenico sembra non chiudersi su una fine, quanto piuttosto donare a Turandot il senso di un tentativo, un esperimento. Turandot come Opera Aperta, consegnata al destino di generare e ospitare finali di significato diverso”.

La bohème (31 luglio/7-21 agosto)
Regia Ettore Scola
ripresa da Marco Scola Di Mambro
Direttore Enrico Calesso
Scene Luciano Ricceri

Mimì Polina Pasztircsák
Rodolfo Ivan Ayon Rivas
Marcello Kartal Karagedik
Musetta Maria Chabounia
Schaunard Tommaso Barea
Colline Abramo Rosalen
Benoit/Alcindoro Roberto Accurso

Al 67° Festival Puccini di Torre del Lago torna in scena La bohème di Puccini nel testamento artistico di Ettore Scola con la ripresa dell’allestimento che il compianto regista ha firmato per il Festival di Torre del Lago nel 2014, suo ultimo lavoro per il teatro lirico. Una Bohème come amava dire il grande Maestro scomparso nel gennaio 2016 “senza rivoluzioni, rivisitazioni o effetti stroboscopici, all’insegna della modernità …. È di per sé un’opera “moderna” … nella musica, nei sentimenti, nell’anima, quella modernità comune in tutte le opere di Puccini e che le ha rese eterne”. La regia sarà ripresa da Marco Scola di Mambro, nipote del grande regista e che già nel 2014 nella veste di assistente ha ideato con il nonno la regia dello spettacolo

Puccini, la musica e il mondo

Caruso Forever (2 agosto)

di e con  Stefano Massini
Orchestra del Festival Puccini,  direttore Alberto Veronesi
L’Omaggio a Enrico Caruso nell’anniversario dei 100 anni dalla scomparsa vedrà protagonista Stefano Massini che racconterà nello spettacolo del 2 agosto (data anniversario dei 100 anni dalla scomparsa) la gloriosa vita artistica del più grande tenore di sempre. Il Governo con atto n° 239, dopo l’approvazione della Camera e del Senato ha istituito il Comitato Nazionale per celebrare nel 2021 Enrico Caruso nella ricorrenza Centenario della scomparsa.
Enrico Caruso, di origini umilissime, è certamente un artista tra i più famosi nella storia della musica internazionale. Da intelligente autodidatta fu protagonista di una carriera internazionale strepitosa che lo portò a calcare da protagonista i palcoscenici più prestigiosi del mondo. Nel 1897 l’incontro con il Maestro Puccini che lo ricevette nella casa di Torre del Lago e che lo accompagnò al pianoforte nell’interpretazione dell’aria di Rodolfo Che gelida manina; un’audizione che si concluse con la leggendaria frase di Puccini “Chi t’ha mandato, Dio? ” L’istanza per la Celebrazione di Enrico Caruso nel 2021 è stata promossa congiuntamente da diverse istituzioni italiane tra cui il Comune di Napoli, il Comune di Viareggio, i Comuni di Sorrento, Piedimonte Matese, Lastra a Signa dalla Fondazione Festival Pucciniano, Fondazione Simonetta Puccini, Archivio Ricordi, Museo Caruso di Lastra a Signa, Conservatorio San Pietro a Majella e tanti altri. Il Comitato Nazionale dopo l’iter burocratico di approvazione del provvedimento sarà formalmente istituito e riunito per definire il programma delle celebrazioni che prevede eventi in Italia e all’estero.

5 agosto
Concerto sinfonico
Orchestra del Festival Puccini – direttore Roberto Abbado

8 agosto – 9 agosto
Tanti baci
(quattro mini-drammi musicali)
Testi di Franco Marcoaldi
Il Festival Puccini torna ad essere per l’edizione 2021 committente di nuove opere. Saranno 4 le nuove composizioni che saranno eseguite domenica 8 agosto.

Il bacio negato musiche di Salvatore Frega
ll bacio immaginato musiche di Michele Sarti
Il bacio animale musiche di Orazio Sciortino
Il bacio estremo di Tosca musiche di Fabrizio De Rossi Re

10 agosto
Pierrot Lunaire
Atto unico di A. Schoenberg
ENSEMBLE “GIORGIO BERNASCONI” DELL’ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA
direttore Marco Angius
in collaborazione con
Accademia del Teatro alla Scala

Accademia Teatro alla Scala, oggi presieduta da Giuseppe Vita e diretta da Luisa Vinci, è considerata fra le istituzioni più autorevoli per la formazione di tutte le figure professionali che operano nello spettacolo dal vivo: artistiche, tecniche e manageriali. La proposta didattica si articola in quattro dipartimenti (Musica, Danza, Palcoscenico-Laboratori, Management) per una trentina di corsi frequentati ogni anno da oltre 1.600 allievi. A Torre del Lago i giovani artisti dell’accademia alla Scala avranno la loro residenza artistica per una settimana al termine della quale sotto la direzione del Maestro Marco Angius metteranno in scena l’atto unico del padre della dodecafonia Arnold Schoenberg Pierrot Lunaire a cui Giacomo Puccini, attento osservatore delle innovazioni e dei nuovi linguaggi modernisti della musica europea, assistette in occasione della prima fiorentina. L’Ensemble “Giorgio Bernasconi” il cui nome rende omaggio al direttore che ha contribuito alla sua creazione nel 2008 e che dal 2012 si avvale del coordinamento artistico di Marco Angius, è un originale progetto didattico che permette agli allievi del biennale Corso per professori d’orchestra del Dipartimento Musica di approfondire una letteratura raramente affrontata durante il periodo di formazione. L’obiettivo è quello di far avvicinare giovani musicisti da un lato al Novecento storico, con l’esecuzione di capisaldi della letteratura moderna, e dall’altro alle ricerche musicali più interessanti e significative dei compositori di oggi.

12 agosto
Melologo su o meglio con Puccini
Toni Servillo con Giuseppe Montesano
Orchestra del Festival Puccini
Direttore Gianna Fratta

In scena c’è un personaggio che non ama la musica di Puccini perché la identifica con una sorta di muzak ante litteram, e che in realtà la conosce solo per qualche frammento ascoltato qua e là: la giudica volgare perché, preda di classici pregiudizi un po’ da intellettuale blasé, considera volgari o comunque poco up-to-date le persone che a suo dire smaniano e si sdilinquiscono per quella che chiama la zuccherosità delle opere di Puccini. Ma nella sua vita sta entrando una donna che ama la musica di Puccini, e allora lui, controvoglia, a malincuore, pur di conoscere meglio quella donna, decide di ascoltare alcuni brani del Maestro [la scelta sarà effettuata cercando di coniugare, come del resto è caratteristico in Puccini, l’immediatezza emotiva dei brani, che immaginiamo cantati da massimo quattro tipi di voci o forse meno, con la loro teatralità intrinseca]. L’uomo si chiede come sia mai possibile, questa bizzarria! A lei piacciono poeti sottili e raffinati, le piace Rilke e le piace Trakl eccetera, adora la musica dissonante degli Schoenberg e dei Webern ma anche la non-musica dei Cage, le piace, proprio come a lui, Dylan, e adora alcuni rapper a lui ignoti, forse perché lei è più giovane: come può una persona così considerare Puccini un grande? Mah, si dice l’uomo, e comincia ad ascoltare il primo pezzo…
Da questo momento ai pezzi seguono le considerazioni del personaggio… Lui tenta di svalutare ciò che ha sentito, poi però trova qualcosa, qualcosa che… passa a un altro pezzo, lo svaluta ma trova che però, certo, accidenti… In un crescendo tra contrasti e entusiasmi e un pizzico di ironia e divertissement, l’uomo arriva infine a capire: anzi, a sentire quella musica come se fosse stata scritta per lui e lo aspettasse da tempo… Insomma, il personaggio è allo stesso tempo un convertito e il protagonista di una piccola odissea personale, un nostos, un viaggio che lo riporta a casa, la casa che è dentro di lui ma che lui non aveva saputo accettare. (Giuseppe Montesano per e con Toni Servillo)

Domenica 22 agosto
Puccini Promenade
La musica di Puccini sul lungomare di Viareggio, con gli artisti del Festival Puccini

La mostra
A completare la proposta culturale della Città di Viareggio anche una importante Mostra che avrà protagonista Jean Michel Folon sul tema Folon, l’Europa e il colore che sarà allestita alla Galleria d’arte moderna e contemporanea di Viareggio in collaborazione con la Fondazione Folon, la Fondazione Carnevale e altre istituzioni che renderanno disponibili opere importanti di Folon sul tema del colore.I

Info e biglietteria:
Modalità d’acquisto: è possibile acquistare i biglietti al telefono 0584 359322  con Carta di Credito (Visa o Mastercard)
online sul sito www.puccinifestival.it con Carta di credito (Visa o Mastercard)
e-mail: ticketoffice@puccinifestival.it  con Carta di credito (Visa o Mastercard) o Bonifico bancario :

Tanti Baci / Pierrot Lunaire posto unico € 20
Caruso, Servillo, Sinfonico da € 55 a € 20
Opere (Tosca, Turandot, La bohème) da € 169 Gold a € 19.50

La sicurezza di pubblico, artisti e maestranze sarà garantita adottando, come già nel 2020, tutti gli accorgimenti e i protocolli più avanzati in attesa che la campagna vaccinale prosegua con il ritmo annunciato. La capienza del Gran Teatro è ridotta  a soli 1000 posti, rispetto 3.400 normalmente disponibili.

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino