Su Rai5, una settimana di opere dedicate ai compositori internazionali

Quando l’opera parla “straniero”: è dedicato a grandi compositori internazionali il ciclo di opere che Rai Cultura propone da lunedì 3 a venerdì 7 maggio alle 10.00 su Rai5. Si comincia con Il ragazzo del risciò di Guo Wenjing nell’allestimento firmato da Yi Liming nel 2015 al Teatro Regio di Torino. Sul podio Zhang Guoyong. Protagonisti sul palco Han Peng, Sun Xiuwei, Sun Li. Regia tv di Ariella Beddini.

Martedì 4 è la volta di Fin de Partie, atto unico di Samuel Beckett e debutto operistico di György Kurtág. L’allestimento al Teatro alla Scala, nel 2018, porta la firma di Pierre Audi. Sul podio Markus Stenz. Protagonisti sul palco Frode Olsen Leigh Melrose Hilary Summers e Leonardo Cortellazzi. Regia tv di Arnalda Canali.
Ancora la Scala protagonista mercoledì 5 maggio con Peter Grimes, capolavoro del compositore Benjamin Britten ispirato al poema The Borough di George Crabbe. L’allestimento del 2012 è di Richard Jones, mentre sul podio c’è Robin Ticciati. Tra gli interpreti, John Graham-Hall, Francesco Malvuccio, Susan Gritton, Christopher Purves, Felicity Palmer. Regia tv di Patrizia Carmine.

Giovedì 6 maggio è di scena favola musicale di Leoš Janáček, tratta dal romanzo di Rudolf Těsnohlídek La piccola volpe astuta, al Teatro Comunale di Firenze nel 2012. Sul podio il Seiji Ozawa, con la regia teatrale di Laurent Pelly. Regia tv di Paola Longobardo.
La settimana si chiude – venerdì 7 maggio – con una grande preghiera musicale per mimo-danzatore e orchestra, dove la partitura di gesti del primo fa da ambiente di risonanza alla musica spazializzata della seconda. È l’opera Inori, capolavoro di Karlheinz Stockhausen diretta da Marco Angius. Nel ruolo del mimo-danzatore, Roberta Gottardi.