Chiudi

San Carlo di Napoli: il neo maestro del coro José Luis Basso dirige i Carmina Burana

Condivisioni

Sabato 5 giugno alle ore 19.00 al Teatro di San Carlo sono in programma i Carmina Burana di Carl Orff, composizione tra le più conosciute al mondo. L’esecuzione, nella versione per soli, coro, due pianoforti e percussioni predisposta dallo stesso autore, vedrà protagonista il Coro del Teatro di San Carlo diretto da José Luis Basso. I solisti, tutti del Coro del Lirico di Napoli sono: Desirée Migliaccio (soprano), Federico Fiorio (controtenore) e Francesco Esposito (baritono).

I Carmina Burana furono composti da Orff, tra il 1935 e il 1936, come una cantata scenica parte di un trittico di opere intitolato I Trionfi. L’idea era nata dall’edizione di un’antologia di componimenti poetici dell’alto medievo, scoperti nel 1803 dal filologo tedesco Johann Andreas Schmeller nel Monastero di Benediktbeuren in Alta Baviera e da allora conservati nella Biblioteca di Monaco. I testi, in latino, tedesco e provenzale, riprendono canti medievali goliardici, intonati dai clerici vagantes. Orff ne fu affascinato ma prese in considerazione solo i testi e poche melodie autentiche risuonano all’interno della sua partitura, interamente originale. Articolati in cinque parti, sono aperti e conclusi da un prologo che inneggia alla Fortuna, vera forza governatrice del mondo. Si tratta di una delle pagine corali più potenti e comunicative, tanto da essere frequentemente impiegate come sonorizzazione di film e serie televisive.
Si tratta della prima produzione che vede protagonista il Coro del San Carlo dopo la recente nomina del nuovo direttore José Luis Basso.

Photo credit: Luciano Romano

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino