Chiudi

Rai5: in diretta dal Bellini di Catania “Norma” con Marina Rebeka. Regia di Livermore

Condivisioni

Norma, il capolavoro di Vincenzo Bellini, in diretta dalla sua città. È la proposta di Rai Cultura, che giovedì 23 settembre alle 20.50, trasmette l’opera belliniana sul suo canale Rai5 in diretta dal Teatro Massimo Bellini di CataniaNorma – trasmessa proprio nel giorno dei 186 anni dalla morte del compositore catanese – è proposta nella nuova messinscena di Davide Livermore. Il regista di Torino, applaudito questa estate al Teatro Greco di Siracusa con Coefore/ Eumenidi di Eschilo e al Rossini Opera Festival con Elisabetta, regina di Inghilterra, ha firmato le ultime tre inaugurazioni del Teatro alla Scala, dove ritornerà anche per la prossima apertura di stagione con Macbeth di Verdi. Livermore cura anche le scenografie (insieme a Lorenzo Russo Rainaldi), con luci e costumi rispettivamente di Luigi Castro e Marianna Fracasso.

Norma è il fulcro dell’edizione 2021 del BellininFest, la rassegna multidisciplinare che per due mesi, dal 6 agosto al 6 ottobre, celebra in Sicilia il compositore catanese con opere, concerti sinfonici e da camera, spettacoli di danza e teatro, film e convegni. A dirigerla, sul podio dell’Orchestra del Teatro Massimo Bellini, è impegnato Fabrizio Maria Carminati, direttore artistico del Festival catanese e del Teatro Bellini, che utilizzerà per la prima volta l’edizione critica dell’opera che Roger Parker sta realizzando per Ricordi. Il coro del Teatro Massimo è istruito da Luigi Petrozziello. Firma la regia televisiva Barbara Napolitano. Lo spettacolo è introdotto da Serena Scorzoni e Stefano Vizioli.

Di primo piano il cast internazionale, capitanato dal soprano lettone Marina Rebeka nel ruolo del titolo. Applaudita al Festival di Salisburgo, al Teatro alla Scala e alla Bayerische Staatsoper, ha collaborato con direttori come Riccardo Muti, Antonio Pappano e Zubin Mehta, dedicandosi a un vasto repertorio che spazia da Mozart a Verdi, da Rossini a Puccini, passando per Donizetti e Čajkovskij. Accanto a lei sono impegnati il tenore Stefan Pop (Pollione), il mezzosoprano Annalisa Stroppa (Adalgisa), il basso Dario Russo (Oroveso), il mezzosoprano Tonia Langella (Clotilde) e il tenore Saverio Pugliese (Flavio). Con la partecipazione straordinaria di Clara Galante nel ruolo di Giuditta Pasta.

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino