Chiudi

“Macbeth opera aperta”: alla Scala un convegno di studi in vista del 7 dicembre

Condivisioni

Sarà il maestro Riccardo Chailly ad aprire lunedì 15 novembre, alle ore 15 nel Ridotto dei Palchi il Convegno “Macbeth opera aperta, curato dal professor Franco Pulcini, con cui il Teatro alla Scala apre le iniziative di avvicinamento all’Inaugurazione di Stagione il 7 dicembre. Come ogni anno ad aprire il calendario degli eventi è un momento di approfondimento sul titolo scelto per l’inaugurazione, di particolare interesse nel caso di un’opera come Macbeth, oggetto di diversi rimaneggiamenti. E come ogni anno il Direttore musicale è impegnato in prima persona in una serie di incontri di presentazione alla Scala e al Loggione. Macbeth per il Maestro è anche la conclusione di una trilogia di opere giovanili di Verdi portate alla ribalta del 7 dicembre: Giovanna d’Arco è andata in scena nel 2015 e Attila nel 2018.

Lunedì 15 Riccardo Chailly interverrà su “L’inserzione del ballo infernale prima della profezia”. Seguiranno gli interventi di Alessandro Roccatagliati dell’Università di Ferrara che parlerà di “Macbeth, un passaporto italiano per Shakespeare”, Candida Mantica della University of Southampton su “Verdi e Shakespeare al Théâtre-Lyrique: Macbeth (1865) in francese”, Ruben Vernazza dell’Università di Bologna su “Macbeth, Parigi e il problema della fedeltà a Shakespeare” e Emilio Sala dell’Università di Milano che concluderà i lavori con una relazione sul “Il ‘fantastico’ nemico del ‘vero’?”.
L’ingresso al convegno è libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

Intanto nel Museo Teatrale, a poche decine di metri dalla sede dei lavori, sono esposti gli storici costumi disegnati da Damiano Damiani per la leggendaria edizione del 7 dicembre 1975 con la regia di Giorgio Strehler, con Claudio Abbado sul podio e Piero Cappuccilli e Shirley Verrett protagonisti. I costumi sono parte della mostra “Giorgio Strehler alla Scala” a cura di Vittoria Crespo Morbio, nell’ambito del progetto “Strehler e i palcoscenici milanesi” realizzato congiuntamente da Teatro alla Scala e Piccolo Teatro.

Riccardo Chailly tornerà a parlare di Macbeth nel Ridotto dei Palchi martedì 23 novembre nel corso dell’incontro “Una moderna discesa agli inferi”, curato dal professor Raffaele Mellace, con cui riprende il ciclo “Prima delle Prime” organizzato dagli Amici della Scala in collaborazione con il Teatro. Sempre alle 18 di giovedì 25 novembre il Maestro converserà su Macbeth con Gino Vezzini, Presidente degli Amici del Loggione, nella sede dell’Associazione in via Pellico 6.

Con gli incontri su Macbeth prosegue il percorso di ripresa delle attività culturali del Teatro alla Scala che ha riattivato sia i convegni e gli incontri organizzati dagli Uffici Stampa e Edizioni e curati dal Professor Franco Pulcini, sia le ospitalità e le collaborazioni con altre istituzioni culturali. Delle prime fanno parte il convegno “Di dolci parolette lasciva melodia” dedicato a La Calisto e svoltosi lo scorso 30 ottobre, il presente convegno su Macbeth e le presentazioni un’ora prima dello spettacolo che, riattivate per La Calisto, riprenderanno regolarmente con le rappresentazioni di Macbeth; delle seconde il convegno internazionale “Ascoltare il futuro – Claudio Abbado e il Nuovo” organizzato con Milano Musica e Fondazione Abbado lo scorso 15 e 16 ottobre, e “Omaggio a Enrico Caruso” in collaborazione con Archivio Ricordi e il Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario della scomparsa di Enrico Caruso, in programma il prossimo 17 novembre.

Ulteriori informazioni: www.teatroallascala.org

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino