Chiudi

Macbeth alla Scala: Davide Livermore racconta l’opera ai detenuti di San Vittore

Condivisioni

“Vogliamo portare la Prima della Scala nella società e questo è un luogo di vita”: Davide Livermore, che firma la regia del Macbeth che inaugurerà la stagione scaligera il 7 dicembre, parla così del carcere di San Vittore dove ieri ha raccontato lo spettacolo a un gruppo di detenuti e dove vorrebbe tornare anche la mattina dell’8 dicembre per parlare nuovamente con loro. Si tratta di una tradizione che riprende dopo lo stop dello scorso anno dovuto al Covid. In precedenza era l’allora sovrintendente Alexander Pereira a entrare in carcere per raccontare l’opera che i detenuti vedranno poi in diretta su Rai 1. San Vittore (come anche Opera e il carcere minorile Beccaria) sono infatti alcuni dei luoghi della città in cui si svolgerà la Prima diffusa.

“Questo appuntamento ci vede in qualche modo ripartire – ha spiegato il direttore Giacinto Siciliano presentando Livermore – Questa è un’opera che in carcere ha un significato particolare”.
Ai detenuti il regista ha raccontato la vicenda di Macbeth divorato e distrutto dalla sua stessa brama di potere, in una terrificante serie di omicidi che ricordano le faide “di mafia” e il modo in cui l’ha rappresentata con un ‘innesto’ di armi antiche e modernità a sottolineare quanto la vicenda sia ancora attuale e riguardi la gestione del potere, che sia quella di un regno, di un ufficio o di un consiglio di amministrazione di una multinazionale che si riunisce in un grattacielo.

I detenuti hanno fatto domande, anche provocatorie, e hanno parlato dell’importanza del teatro per loro chiedendo anche se c’era la possibilità di attivare un laboratorio teatrale. “Li ho trovati molto attenti – ha poi raccontato Livermore che quando frequentava il Conservatorio a Torino faceva l’educatore nel carcere minorile Ferrante Aporti collaborando con la cooperativa Esserci – Il teatro pubblico è di tutti. Sono persone che fanno parte della nostra società, che si deve prendere cura di tutti”.

Photo: Eugenio Pini

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino