Chiudi

Il Don Pasquale della Scala secondo Livermore e Chailly in prima serata su Rai5

Condivisioni

L’omaggio di Rai 5 al regista torinese Davide Livermore prosegue oggi, mercoledì 27 gennaio, con la messa in onda, alle 21.15, del Don Pasquale di Donizetti allestito per il Teatro alla Scala nell’aprile 2018, con la direzione musicale di Riccardo Chailly. Le scene sono firmate da Livermore e Giò Forma, i costumi da Gianluca Falaschi e le luci da Nicolas Bovey. Protagonisti sono Ambrogio Maestri come Don Pasquale, Rosa Feola come Norina, René Barbera qui al debutto scaligero come Ernesto, Mattia Olivieri come Malatesta e Andrea Porta nella parte del Notaro.

Una produzione ricca di riferimenti cinematografici. La scena si arricchisce infatti di elementi tratti dal cinema italiano degli ultimi anni ’50, quando realismo e sogno, patetismo e comicità si fondevano in uno stile di commedia assai simile al “mezzo carattere” dell’opera di Donizetti. L’ambiente è una Roma in bianco e nero, elegante e fantastica, tra rovine, pini marittimi, nuovi palazzi in costruzione e l’ingresso di Cinecittà. “Cadute le maschere – spiega Livermore -, in Don Pasquale emergono i personaggi: sullo sfondo rimangono i brandelli dei ‘tipi’ della commedia dell’arte”. La scenografia è affidata allo Studio Giò Forma (Florian Boje e Cristiana Picco), un team capace di mettere le tecnologie più avanzate al servizio del teatro, ma anche di grandi eventi come Expo o dei più spettacolari palcoscenici del pop e del rock. I costumi sono firmati da Gianluca Falaschi, già vincitore del Premio Abbiati per Ciro in Babilonia, che a Pesaro nel 2012 aveva segnato l’inizio della riflessione di Livermore sulla permanenza degli stilemi dell’opera nello sviluppo della settima arte.

Qui la recensione di Connessi all’Opera riferita alla recita del 14 aprile 2018:
https://www.connessiallopera.it/recensioni/2018/milano-teatro-alla-scala-don-pasquale/

Photo credit: Brescia e Amisano

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino