Chiudi

Dal Teatro alla Scala, concerto di musica sacra per il Venerdì Santo

Condivisioni

Sarà un Venerdì Santo speciale per gli artisti del Coro scaligero che, dopo lo Stabat Mater di Rossini diretto da Myung-Whun Chung lo scorso 5 marzo, tornano a occupare i palchi del Teatro per un concerto sacro che hanno voluto dedicare a quanti, specialmente in questi mesi di pandemia, si trovano in una situazione di sofferenza e difficoltà. Il concerto, visibile per una settimana a partire dalle ore 20 di venerdì 2 aprile sul sito web e sulle pagine FB e YouTube del Teatro alla Scala, segue di un giorno l’ottantesimo compleanno del Maestro Bruno Casoni, da diciannove anni alla guida del Coro scaligero.

Il programma tocca alcuni punti salienti del repertorio sacro novecentesco accostando al Requiem di Maurice Duruflé l’Ave Maris Stella, l’Ave Verum e l’Ave Maria di Elgar e il Salve Regina di Arvo Pärt in un percorso meditativo di grande suggestione. Nell’impaginare il programma intorno al più noto Requiem di Duruflé, il Maestro Casoni ha voluto richiamare l’attenzione sulla musica sacra di Elgar, poco eseguita in Italia, e riproporre una pagina dalla squisita atmosfera lirica come il Salve Regina di Pärt.

Bruno Casoni

Nato a Milano, dopo aver conseguito i diplomi di pianoforte, composizione, musica corale e direzione di Coro al Conservatorio “G. Verdi” della sua città, ha assunto l’incarico di direttore del Coro del Teatro Pierluigi da Palestrina di Cagliari e successivamente, dal 1983, di Altro maestro del Coro al Teatro alla Scala di Milano, incarico mantenuto fino al 1994. Sempre nel 1994 è diventato Direttore del Coro di Voci Bianche del Teatro alla Scala. Dal 1979 al 2006 è stato docente di esercitazioni corali al Conservatorio di Milano. Nel 1984 ha fondato il Coro dei Pomeriggi Musicali di Milano, che ha diretto fino al 1992. Parallelamente ha collaborato con numerose istituzioni e festival musicali italiani e stranieri, sia come Direttore di Coro, sia dirigendo varie formazioni orchestrali. Nel 1994 è stato nominato Direttore del Coro del Teatro Regio di Torino, alla guida del quale ha ottenuto unanimi consensi di critica e di pubblico nel repertorio lirico, svolgendo con il complesso un intenso lavoro volto ad ampliare il repertorio concertistico e intensificare la collaborazione con altre istituzioni musicali.
Particolarmente significativo il rapporto consolidato con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai. Dal 2002 è Direttore del Coro del Teatro alla Scala. Nel luglio dello stesso anno ha iniziato la collaborazione con l’Associazione del Coro Filarmonico della Scala, del quale è Direttore Principale. Dal 2005 collabora stabilmente con il Coro di Radio-France, con il quale ha realizzato importanti produzioni, tra le quali ricordiamo i Carmina Burana di Carl Orff registrati anche in DVD. Socio onorario degli Amici del Teatro Regio di Torino e degli Amici del Teatro alla Scala, nel contesto dei Premi Abbiati 2008 ha ricevuto dall’Associazione Nazionale Critici Musicali Italiani lo speciale Premio Gavazzeni per il complesso della sua attività musicale. Nel 2013 il Comune di Milano lo ha premiato con l’Ambrogino d’oro per i suoi meriti artistici.

Photo credit: Brescia e Amisano

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino