Chiudi

Addio a Stefano Mazzonis di Pralafera, regista e direttore della Opéra Royal de Wallonie

Condivisioni

Attraverso una nota stampa, il sindaco di Liegi, Willy Demeyer, in qualità di presidente del Consiglio di amministrazione dell’Opéra Royal de Wallonie-Liège, ha comunicato la scomparsa di Stefano Mazzonis di Pralafera, direttore generale e artistico dal 2007 del teatro di Liegi. Arrivato nella città belga poco prima del trasferimento dell’ORW in un tendone per consentire i lavori di restauro della sala, Stefano Mazzonis aveva fatto di questo disagio una vera risorsa, trasformando la tensostruttura in un luogo di festa e di incontro: una opportunità per attirare un nuovo pubblico, soprattutto tra i giovani.

Dal 2002 al 2006, Mazzonis era stato sovrintendente del Teatro Comunale di Bologna. Il suo profilo manageriale comprendeva responsabilità direttive presso Italcable, Telecom Italia, Telecom Italia Mobile e Federcomin. Il suo profilo artistico annoverava numerosi e prestigiosi incarichi, fra cui quelli di General manager e Direttore artistico dei “Concerti Telecom”, di General manager delle “Settimane Musicali Internazionali di Napoli”, di Direttore artistico del “Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano” e del Festival di Cervo.

Stefano Mazzonis di Pralafera era noto anche come regista, attività iniziata nel 1983. Aveva firmato allestimenti per il Comunale di Firenze, il Maggio Musicale Fiorentino, il Teatro Regio di Torino, ed era stato invitato da numerosi festival musicali in Italia e all’estero. Fra le opere da lui allestite, Il matrimonio segreto di Cimarosa, Il barbiere di Siviglia e l’equivoco stravagante di Rossini, Rita di Donizetti, I Lombardi alla prima crociata, Rigoletto, La traviata e Otello di Verdi, Manon di Massenet, Il paese del sorriso di Lehàr. Mazzonis aveva inoltre prodotto e presentato numerosi programmi televisivi e radiofonici di carattere musicale per la RAI.

image_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino