Chiudi

Su Rai5, Boris Godunov dal Regio di Torino. Dirige Noseda

Condivisioni

Un grande affresco della Russia tra la fine del ‘500 e l’inizio del ‘600, ambientato negli anni di intrighi e di rivolte seguiti alla morte di Ivan il Terribile. È il capolavoro di Modest Musorgskij Boris Godunov, che Rai Cultura propone su Rai5 venerdì 1° maggio alle 18.45. Lo spettacolo è andato in scena al Teatro Regio di Torino nel 2011 con la regia di Andrei Konchalovsky e con la direzione musicale di Gianandrea Noseda che, pur basandosi sulla prima edizione dell’opera, scritta da Musorgskij del 1869, esegue di seguito, e non separate dalla morte di Boris, la scena “davanti a san Basilio” e quella “nella foresta di Kromy” aggiunta dall’autore per la nuova edizione del 1874.

Tratta dalla tragedia omonima di Aleksandr Puškin e dalla “Storia dello Stato russo” di Nikolaj Karamzin, l’opera vede protagonisti Orlin Anastassov nel ruolo del titolo, Vladimir Vaneev come Pimen e Alessandra Marianelli nella parte di Ksenija. Orchestra e Coro sono quelli del Teatro Regio, il Coro di voci bianche invece è quello del Teatro Regio e del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino. Regia televisiva a cura di Francesca Nesler.

Photo credit: Ramella & Giannese

image_pdfimage_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino