Chiudi

Aida di Zeffirelli, Macbeth diretto da Pappano e altri appuntamenti dal 25 al 29 maggio su Rai5

Condivisioni

Prosegue anche nella settimana dal 25 al 29 maggio la straordinaria offerta musicale che Rai Cultura propone sul suo canale Rai5 il pomeriggio e in prima serata. La Norma firmata da Roberto Andò; lo spettacolo di danza Nudità di Virgilio Sieni e Mimmo Cuticchio; L’Olandese volante bolognese; l’Aida firmata da Zeffirelli e il Macbeth in prima serata; oltre a grandi concerti con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai e quella di Santa Cecilia.

SINFONIA DI BERIO CON GLI SWINGLES E L’ORCHESTRA RAI

Lunedì 25 maggio alle 17.45 su Rai5 (canale 23)

C’è Sinfonia di Luciano Berio, una delle pagine che hanno fatto la storia della letteratura musicale del secondo Novecento, al centro del concerto dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai che Rai Cultura propone su Rai5 lunedì 25 maggio alle 17.45. A interpretare la composizione in cinque movimenti per orchestra e otto voci amplificate sono chiamati gli Swingles, celeberrimo gruppo musicale che il 10 ottobre 1968 eseguì Sinfonia in prima assoluta insieme alla New York Philharmonic Orchestra, sotto la direzione dello stesso Berio. Anche noto come The Swingle Singers, il gruppo – nato in Francia nel 1962 – ha vinto cinque Grammy Award (uno proprio per il lavoro di Berio) e ha all’attivo oltre 50 album. Gli Swingles si sono rinnovati nel corso degli anni, mantenendo intatta la predilezione per la musica contemporanea che abitualmente affiancano al repertorio classico e agli arrangiamenti di brani pop, folk e jazz.

Come illustrava Berio «il titolo di Sinfonia non vuole suggerire analogie con la forma classica; va piuttosto inteso etimologicamente, come il ‘suonare insieme’ di otto voci e strumenti oppure, in senso più generale, come il ‘suonare insieme’ di cose, situazioni e significati diversi». Commissionata in occasione del centoventicinquesimo anniversario della New York Philharmonic Orchestra, Sinfonia è un intreccio di strumenti e voci tra canto, sussurri, parole tratte da Beckett e Lévi-Strauss, riferimenti a Mahler, Stravinsky, Schönberg, Debussy, Ravel e altro ancora. Il risultato è una musica caleidoscopica e postmoderna, «la più sperimentale che abbia mai scritto», diceva Berio.

Il concerto è stato registrato all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino nel 2018, in occasione dei cinquant’anni dalla creazione di Sinfonia. Sul podio il direttore americano John Axelrod – allievo di Leonard Bernstein, a cui Sinfonia è dedicata – che si è guadagnato la stima e l’affetto del pubblico grazie alle numerose collaborazioni con l’Orchestra Rai. Proprio su Bernstein si concentra la seconda parte del programma con Divertimento per orchestra, composto nel 1980 per i cento anni dalla fondazione della Boston Symphony Orchestra, e le musiche per il balletto di Jerome Robbins Fancy Free, che debuttò alla Metropolitan Opera di New York nel 1944 e che fu utilizzato da Alfred Hitchcock nella sequenza iniziale del film La finestra sul cortile.

LA NORMA DI BELLINI FIRMATA DA ROBERTO ANDÒ E DIRETTA DA FABIO BIONDI

Martedì 26 maggio alle 17 su Rai5 (canale 23)

È dominato da una classicità atemporale l’allestimento della Norma di Vincenzo Bellini firmato dallo scrittore e regista teatrale e cinematografico Roberto Andò che Rai Cultura trasmette su Rai5 martedì 26 maggio alle 17.

Andata in scena al Teatro Regio di Parma nel marzo 2001, l’opera – proposta nell’edizione curata da Maurizio Biondi, fedele alla prima esecuzione scaligera del 1831 – è diretta dal Maestro Fabio Biondi alla guida dell’Orchestra Europa Galante. Sul palco sono impegnati il soprano June Anderson nel ruolo del titolo, il mezzosoprano Daniela Barcellona nella parte di Adalgisa, il tenore Shin Young Hoon in quella di Pollione e Ildar Abdrazakov come Oroveso. Le scene sono curate da Giovanni Carluccio. La regia televisiva è di Carlo Battistoni.

IL CANTO DEL DESTINO DI BRAHMS PER L’ORCHESTRA DI SANTA CECILIA

Mercoledì 27 maggio alle 18 su Rai5 (canale 23)

«Svaniscono, cadono i poveri uomini, alla cieca, da un’ora all’altra come l’acqua da un masso all’altro precipitato in fondo all’ignoto». Sono i versi che concludono lo Schicksalslied (Canto del destino) di Johannes Brahms su testo di Hölderlin, che Rai Cultura propone su Rai5 mercoledì 27 maggio alle 18. Il concerto è stato registrato nel 2016 all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Sul podio dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia è impegnato il direttore tedesco Marc Albrecht, acclamato per le sue interpretazioni di Wagner e Strauss e per il suo impegno nella musica contemporanea. A incorniciare il capolavoro di Brahms – cantato dal Coro dell’Accademia di Santa Cecilia diretto da Ciro Visco – due sinfonie di Robert Schumann: la Seconda e la Quarta. La Sinfonia n. 2 è tradizionalmente considerata paradigmatica dell’eccentricità del sinfonismo di Schumann, nel quale sembrano scontrarsi una debordante ispirazione e i dettami del rigore classico. La Sinfonia n. 4 si spinge oltre, superando le limitazioni dei movimenti tradizionali e sviluppandosi quasi come un unico blocco.

L’AIDA FIRMATA DA ZEFFIRELLI E DIRETTA DA CHAILLY IN PRIMA SERATA

Mercoledì 27 maggio alle 21.15 su Rai5 (canale 23)

È firmata da Franco Zeffirelli e diretta da Riccardo Chailly l’Aida di Giuseppe Verdi che Rai Cultura trasmette in prima serata su Rai5 mercoledì 27 maggio alle 21.15. Lo spettacolo, che ha inaugurato la stagione del Teatro alla Scala il 7 dicembre 2006, vede protagonisti: Violeta Urmana nel ruolo del titolo, Roberto Alagna come Radamès, Ildikó Komlósi come Amneris, Giorgio Giuseppini nella parte di Ramfis, Marco Spotti in quella del Re e Carlo Guelfi nei panni di Amonasro. Le coreografie dei momenti di danza sono affidate a Vladimir Vasiliev e interpretate da Roberto BolleLuciana Savignano e Myrna Kamara. La regia televisiva è curata da Patrizia Carmine.

LA DANZA DI SIENI INCONTRA L’ARTE DEI PUPI DI CUTICCHIO

Giovedì 28 maggio alle 17 su Rai5 (canale 23)

Segna l’incontro tra l’arte coreutica e l’Opera dei Pupi siciliani Nudità, lo spettacolo che Rai Cultura trasmette su Rai5 giovedì 28 maggio alle ore 17. Protagonisti il grande coreografo Virgilio Sieni e il cantastorie, attore, regista e puparo Mimmo Cuticchio, due maestri della creazione performativa internazionale, impegnati a realizzare un dialogo che si svolge nel corpo e sul corpo. Andato in scena nel 2018 nell’ambito del RomaEuropa Festival, Nudità gioca sull’interazione tra il mondo inanimato delle marionette e quello perennemente in movimento dei danzatori.

IL MACBETH DI VERDI DIRETTO DA PAPPANO IN PRIMA SERATA

Giovedì 28 maggio alle 21.15 su Rai5 (canale 23)

Nero, rosso, crema e oro. Sono i colori che dominano il Macbeth di Giuseppe Verdi messo in scena dalla regista inglese Phyllida Lloyd – nota per i suoi successi cinematografici come Mamma mia! e The Iron Lady – che Rai Cultura propone in prima serata su Rai5 giovedì 28 maggio alle 21.15. Lo spettacolo, andato in scena alla Royal Opera House di Londra nel 2011, è diretto da Sir Antonio Pappano. Protagonisti sulla scena sono il baritono Simon Keenlyside nel ruolo del titolo, il soprano Liudmyla Monastyrska nella parte di Lady Macbeth, il basso Raymond Aceto come Banco e il tenore Dimitri Pittas nei panni di Macduff.

Opera dominata dalle distruttive ambizioni dei suoi protagonisti, con eventi sanguinosi e streghe misteriose, Macbeth rappresenta il primo reale incontro di Giuseppe Verdi con William Shakespeare, autore al quale si ispirerà poi per Otello e Falstaff. Decima opera verdiana, debuttò in una prima versione a Firenze nel 1847, quindi a Parigi nel 1865 e alla Scala nel 1874.

L’OLANDESE VOLANTE DI WAGNER DEL COMUNALE DI BOLOGNA

Venerdì 29 maggio alle 18 su Rai5 (canale 23)

È dominato da una grande parete inclinata, che funge sia da specchio sia da fondale per le immagini proiettate, Der fliegende Holländer (L’Olandese volante) di Richard Wagner che Rai Cultura trasmette su Rai5 venerdì 29 maggio alle 18. Lo spettacolo, andato in scena al Teatro Comunale di Bologna nel 2013, è firmato per la regia, le scene e i costumi dal greco naturalizzato francese Yannis Kokkos. Al centro della sua lettura la fedeltà a una concezione intimistica e psicologica dell’opera wagneriana. Mark S. Doss (L’Olandese) e Anna Gabler (Senta) sono i protagonisti della leggenda nordeuropea in cui il capitano di una nave è costretto a navigare sino al Giorno del giudizio. L’Orchestra e il Coro del teatro bolognese sono diretti da Stefan Anton Reck. La regia televisiva è di Arnalda Canali.

Photo credit: Marco Brescia

image_pdfimage_print
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino