Chiudi

Un “Elisir” tutto giovane va in scena al Castello Carrarese di Padova

Condivisioni

Secondo appuntamento con la Stagione lirica di Padova 2019. Dopo il successo dell’Orfeo ed Euridice di Gluck, venerdì 2 agosto alle ore 21.15 è in programma, sempre al Castello Carrarese, uno dei titoli operistici più amati dal pubblico, L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti, capolavoro di comicità ma al tempo stesso acuta riflessione sempre attuale sul potere delle dipendenze, delle illusioni e delle mistificazioni.
L’Orchestra di Padova e del Veneto sarà guidata da Nicola Simoni, mentre nel cast figurano Jessica Nuccio, giovane ma già affermato soprano che sarà impegnata nel ruolo di Adina, il tenore Giordano Lucà in quello di Nemorino, mentre l’imbonitore Dulcamara, irresistibile personaggio di ambigua moralità e dispensatore di cialtroneschi filtri magici, sarà interpretato dal baritono Filippo Polinelli. Completano la compagnia di canto Leonardo Lee (Belcore), vincitore dell’ultima edizione del Concorso Lirica Iris Adami Corradetti e Silvia Celadin (Giannetta). Il Coro Lirico Veneto sarà preparato da Stefano Lovato. Lo spettacolo porta la firma del giovane regista Yamal Das Irmich, le scene e costumi sono di Matteo Paoletti Franzato.
L’allestimento è coprodotto con Basano Opera Festival

L’elisir d’amore, scritto da Gaetano Donizetti, secondo leggende riportate, in soli quindici giorni, venne commissionata al compositore bergamasco in tutta fretta da Alessandro Lanari, l’impresario del Teatro della Canobbiana di Milano, dopo il forfait di un altro compositore che doveva scrivergli un’opera nuova per la stagione di primavera 1832. Donizetti ricorse subito al più celebre librettista dell’epoca, Felice Romani, che scrisse un libretto tratto da Le Philtre di Scribe e già musicato da Daniel Auber. L’opera andò in scena il 12 maggio 1832 con un enorme successo: alla prima seguirono ben 32 recite.
La vicenda si svolge in un villaggio dei Paesi Baschi dove l’umile contadino Nemorino è innamorato della ricca e capricciosa Adina della quale non riesce ad attirare le attenzioni. Ascoltandola raccontare la storia di Tristano e Isotta, nasce in lui il desiderio di possedere il magico elisir d’amore. L’arrivo in paese dell’intraprendente sergente Belcore, che subito corteggia con successo Adina, acuisce la gelosia di Nemorino, tanto che il medico-ciarlatano Dulcamara non ha difficoltà a vendergli del comune vino di Bordeaux, spacciandolo per il filtro tanto desiderato. Adina accetta di sposare Belcore, mentre Nemorino, che non vede sortir effetto della presunta pozione, non avendo più soldi tenta il tutto per tutto arruolandosi e acquistando dell’altro elisir da Dulcamara. Questi racconta tutto alla giovane Adina che, commossa dal sacrificio di Nemorino, recede dal contratto di matrimonio con Belcore e gli dichiara tutto il suo amore.

La Stagione lirica di Padova è organizzata e prodotta dal Comune di Padova – Assessorato alla Cultura, in collaborazione con il Teatro Stabile del Veneto e la Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto, e si avvale del contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e della Regione del Veneto.

Biglietti: Intero, euro 30,00; Ridotto (over 65 e riduzioni di legge) euro 25,00; Ridotto Under 35: euro 20,00.

Prevendite:
Biglietteria del Teatro Verdi di Padova – Dal 24 giugno al 3 agosto: da lunedì al sabato 15.00 – 19.15 e la sera dello spettacolo presso il Castello Carrarese dalle ore 20.00.

Ulteriori informazioni:
Comune di Padova – Settore Cultura Turismo Musei e Biblioteche
Servizio Manifestazioni e Spettacoli
049 8205611-5623
manifestazioni@comune.padova.it
www.castellofestival.it

Download PDF
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino