Chiudi

Attesa per il ritorno di Bocelli al San Carlo. Ma il doppio concerto è a rischio sciopero

Condivisioni

L’amore, prìncipe del melodramma: questo il tema conduttore dei due attesi concerti di Andrea Bocelli previsti al Teatro di San Carlo di Napoli il 20 e il 22 maggio. Il tenore dovrebbe tornare sulla ribalta dello storico teatro partenopeo dopo tredici anni, con un programma lirico, intitolato Tre secoli d’amore, proposto in cartellone al Metropolitan Opera House di New York lo scorso febbraio.
Il condizionale è d’obbligo, perché nella giornata di ieri è stato proclamato lo stato di agitazione e dunque lo sciopero dell’intero, fondamentale comparto sancarliano dei tecnici, macchinisti, elettricisti, sartoria, attrezzeria, fonici, addetti all’Orchestra e degli addetti alla sicurezza, a sigla Uilcom, appunto per i giorni 20, 22 maggio e per tutte le giornate coincidenti con le “prime” del turno A.
In caso di sospensione dello sciopero, sotto la direzione di Eugene Kohn con l’Orchestra del Teatro di San Carlo, Andrea Bocelli darà vita ad un florilegio di pagine tratte dal repertorio lirico, delineando un affresco sonoro dell’amore, raccontato in epoche diverse e secondo le diverse sensibilità di alcuni tra i massimi compositori italiani e francesi: da Gaetano Donizetti a Giuseppe Verdi, a Giacomo Puccini, da Charles Gounod a Jules Massenet, a Jacques Offenbach.
Insieme a Bocelli è prevista la partecipazione del soprano Maria Aleida.

«Sono particolarmente felice di tornare al San Carlo e di riabbracciarne il pubblico dopo tanti anni» ha affermato Andrea Bocelli: «La storia gloriosa e i superbi artisti che hanno calcato la scena di questo teatro da un lato mi intimidiscono, dall’altro esprimono un ulteriore sprone a dare il meglio e a realizzare un concerto che sia all’altezza delle aspettative. Napoli d’altronde è la città della musica, è la città dell’amore. E per me che dell’amore e della musica ho fatto la mia ragione di vita e la mia ispirazione, è stata pressoché una scelta obbligata proporre qui, in prima europea, un programma che evoca (e festeggia) ciò che amo definire il motore del mondo, attraverso l’arte dei suoni».
Reduce dal successo del suo nuovo album “Sì”, che lo ha visto attestarsi contemporaneamente in vetta alle classifiche inglesi e statunitensi, Andrea Bocelli prosegue – nei teatri così come nelle arene – la propria attività di ambasciatore della tradizione belcantistica italiana nel mondo e di divulgatore d’eccezione del repertorio lirico.

Nell’intento di offrire opportunità di bellezza e d’amore, declinate attraverso le suggestioni della grande musica, Generali Italia – partner del “San Carlo” – grazie al suo programma Valore Cultura, aprirà le porte del teatro a centocinquanta studenti provenienti dall’hinterland napoletano, offrendo loro non solo la possibilità di assistere al concerto ma anche di vivere l’esperienza di un momento d’incontro con il cast.

Lunedì 20 maggio 2019, ore 20
Mercoledì 22 maggio 2019, ore 20.30
ANDREA BOCELLI – TRE SECOLI D’AMORE
Direttore Eugene Kohn
Tenore Andrea Bocelli
Soprano Maria Aleida
Orchestra del Teatro di San Carlo

Programma:

Jules Massenet
Balletto “Navarraise”
“Ah, tout est bien finí… O, souverain!” da Le Cid

Jacques Offenbach
“Les oiseaux dans la charmille” da Les contes d’Hoffmann

Charles Gounod
“L’amour… Ah, lêve-toi soleil”
“Va, je t’ai pardonné… Nuit d’hyménée” da Roméo et Juliette

Giacomo Puccini
Fantasia sinfonica da Manon Lescaut
“Recondita armonia” da Tosca
“O soave fanciulla” da La bohème

Giuseppe Verdi
Sinfonia da Un giorno di regno
“La mia letizia infondere” da I lombardi alla prima crociata
“La donna è mobile” da Rigoletto

Gaetano Donizetti
“Ah, tardai troppo… O luce di quest’anima” da Linda di Chamounix
“Pour mon âme” da La fille du régiment
“M’odi… Sulla tomba che rinserra” da Lucia di Lammermoor

Giuseppe Verdi
Balletto finale da Le trouvère
“È il sol dell’anima… Addio, addio” da Rigoletto

Download PDF
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino