Chiudi

Al Carlo Felice di Genova, Don Pasquale diventa una sitcom anni sessanta

Venerdì 8 marzo 2019, alle ore 20.00, al Teatro Carlo Felice, va in scena il Don Pasquale di Gaetano Donizetti (Opera comica in tre atti su libretto di Giovanni Ruffini e Gaetano Donizetti), rappresentato l’ultima volta a Genova nel gennaio 2007. Sul podio, a dirigere l’Orchestra del Teatro Carlo Felice, Alvise Casellati, recentemente applaudito dal pubblico genovese per Madama Butterfly all’Arena del Mare – Porto Antico il 26 e 28 luglio 2018.
L’opera andrà in scena nell’allestimento della Scottish Opera, ideato dal team franco-canadese Barbe & Doucet, che rispettivamente firmano la regia (Renaud Doucet) e le scene e costumi (André Barbe), mentre le luci sono state realizzate da Guy Simard. L’azione è calata nella frenetica e coloratissima Roma degli anni sessanta, una trasposizione temporale (e sociale) che si presta alle gag, agli equivoci e al ritmo da sitcom che anima il Don Pasquale. Il vecchio avaro e libidinoso, la servetta furba, il giovane innamorato e il factotum intrigante. Nel Don Pasquale di Donizetti ci sono tutte le maschere tipiche del teatro comico. E il suo eterno motore: il denaro, attorno a cui ruota l’intero l’intrigo. Ma la novità dell’opera è che i personaggi non sono solo marionette manovrate dal compositore-burattinaio: sono persone dai tratti riconoscibili, individui caratterizzati dai propri comportamenti. Don Pasquale è uno di quei titoli del teatro comico che hanno contribuito a trasformare maschere fisse e stereotipate in esseri umani vivi e contraddittori, dalla personalità non necessariamente nobile (anzi). Questa, probabilmente, la ragione del grande successo della partitura (che la leggenda vuole composta in appena undici giorni) fin dalla prima rappresentazione al Théâtre des Italiens, in anni (1843) in cui il pubblico prediligeva il genere serio.
Sul palcoscenico si alterneranno due cast prestigiosi: il basso Kristopher Irmiter e Giovanni Romeo nel ruolo di Don Pasquale, il tenore Juan Francisco Gatell e Matteo Macchioni (Ernesto), Elia Fabbian e Michele Patti (Dottor Malatesta), Desirée Rancatore e Barbara Bargnesi (Norina).

Gli incontri collaterali che il Teatro Carlo Felice ha organizzato intorno al Don Pasquale prima del debutto:

Sabato 2 marzo – ore 16.00 – Auditorium Eugenio Montale
Conferenza illustrativa “pensavo fosse amore” a cura di Edwin Rosasco in collaborazione con Associazione Amici del Carlo Felice e del Conservatorio N. Paganini

Lunedì 4 marzo – ore 17.30 – Libreria Feltrinelli
UN POMERIGGIO ALL’OPERA
Incontro con il cast
A cura di Massimo Pastorelli
Ingresso libero

Sinergia con Palazzo Ducale:
Proiezione su maxi schermo nell’atrio di Palazzo Ducale del manifesto monografico

Sinergia con l’Università di Genova-DISPO:
In corso la ricerca sul nuovo pubblico.

Sinergia con l’Università di Genova-Facoltà di Lettere:
riprendono con questo titolo i percorsi di prova con gli studenti universitari del Corso di Storia della Musica, che seguono lo svolgimento delle varie fasi dell’opera.

Con questa rappresentazione  inizia la collaborazione tra Culti Milano e il Teatro Carlo Felice.

Ulteriori informazioni: Teatro Carlo Felice

Download PDF
Connessi all'Opera - Tutti i diritti riservati / Sullo sfondo: National Centre for the Performing Arts, Pechino