Il Teatro del Giglio di Lucca presenta la Stagione teatrale 2017/2018

Condivisioni

La lirica con importanti coproduzioni italiane e internazionali, i grandi interpreti e registi della scena italiana per la prosa, la quarta edizione dei Puccini Days e un’anteprima della stagione di Danza: torna così al suo pubblico il Teatro del Giglio di Lucca, per annunciare la nuova Stagione teatrale 2017/2018 con un cartellone ricco e composito, di forte impatto, che punta su proposte di elevata qualità e mira alla contaminazione tra generi, legando il linguaggio del melodramma a quello della prosa, la danza alle suggestioni pucciniane, per un nuovo anno di teatro e musica che non mancherà di intrigare e sorprendere.

Una Stagione Lirica tutta al femminile aspetta il pubblico del Teatro del Giglio: La fanciulla del West (18 e 19 novembre), titolo d’apertura nel segno di Giacomo Puccini, sarà diretta da James Meena sul podio dell’Orchestra della Toscana con la regia, le scene e i costumi di Ivan Stefanutti; l’allestimento è una coproduzione Italia-USA tra Teatro del Giglio, Teatro Lirico di Cagliari, Opera Carolina e New York City Opera; la cordata coproduttiva, nella stagione a venire, si amplia in Italia con i teatri di Ravenna, Modena, Pisa e Livorno. Fanciulla è anche il titolo inaugurale del nuovo Lucca Puccini Days che, giunto alla sua quarta edizione, proporrà una serie di eventi dedicati al Maestro sullo sfondo delle due Americhe. La stagione lirica prosegue (19 e 21 gennaio) con La Wally di Alfredo Catalani, una coproduzione tra i teatri di Lucca, Piacenza, Reggio Emilia e Modena firmata per la regia da Nicola Berloffa e diretta da Francesco Ivan Ciampa; protagonista dell’opera di Catalani, la lucchese Serena Farnocchia, che ha scelto il Teatro del Giglio per il suo debutto nel ruolo del titolo. Il 10 e 11 febbraio andrà in scena il dramma della limpida Iris, protagonista dell’omonima opera simbolista d’ambiente giapponese di Pietro Mascagni, diretta da Daniele Agiman per la regia di Iroki Hihara (nuovo allestimento in coproduzione con la Compagnia Statale Niki Kai Kansai di Osaka, teatri Goldoni di Livorno, del Giglio di Lucca e Verdi di Pisa). Quarto titolo del cartellone lirico, Pia de’ Tolomei di Gaetano Donizetti (17 marzo), che porta in scena l’eroina toscana resa immortale dalla memoria dantesca, per la regia di Andrea Cigni e la direzione d’orchestra di Christopher Franklin (nuovo allestimento del Teatro di Pisa in coproduzione con i teatri del Giglio di Lucca e Goldoni di Livorno).

È dedicata al rapporto di Giacomo Puccini con le due Americhe la quarta edizione di Lucca Puccini Days: frutto della collaborazione tra Comune di Lucca, Fondazione Giacomo Puccini e Teatro del Giglio cui da quest’anno si aggiunge l’Associazione Musicale Lucchese, e realizzata con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, per il 2017 vede confermati i patrocini di MIBACT – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Regione Toscana e AGIS Toscana.  Un intrigante mix di appuntamenti, che va dalla musica classica al jazz, passando per la danza e il teatro di narrazione, seguirà le due recite de La fanciulla del West: il 1° dicembre irromperà sul palcoscenico del Giglio lo stile primo-novecentesco della milonga con Station Tango dell’Union Tanguera di Buenos Aires (anteprima della Stagione di Danza), mentre il 3 dicembre Elisabetta Salvatori, nella Chiesa di San Francesco, proseguirà il percorso di narrazione della vita di Giacomo Puccini (iniziato con Piccolo come le stelle) raccogliendo le suggestioni del rapporto del Maestro con le due Americhe. Dalle raffinatissime contaminazioni jazz con il pianista Danilo Rea (7 dicembre, teatro del Giglio) si passa allo scoppiettante CANTIERE OPERA Puccini, un progetto di e con Francesco Micheli e Elio delle Storie Tese accompagnato al pianoforte da Simone Soldati, al Giglio il 18 dicembre. Nel programma dei Puccini Days, che si concluderà al Teatro del Giglio con il tradizionale Concerto di Capodanno (1 gennaio), anche una giornata di studi dedicata alle fonti de La fanciulla del West, realizzata in collaborazione con il Centro Studi Giacomo Puccini.

Sarà il musical This is Hollywood firmato da Aldo Innocenti e Giandomenico Anellino, presentato e prodotto dal Teatro del Giglio, a inaugurare venerdì 13 ottobre (con repliche il 14 e 15) la stagione 2017-2018. Dedicato a Violetta (Marie Du Plessis, la più famosa cortigiana di Parigi che a metà dell’Ottocento divenne immortale come Violetta ne La signora delle Camelie e La Traviata) e Vivien (personaggio celeberrimo di Julia Roberts, un’anonima “pretty woman” dell’Hollywood Boulevard divenuta escort di lusso del cinico Richard Gere), This is Hollywood intreccia le storie di queste due donne, portando sul palcoscenico del teatro del Giglio orchestra, cantanti, ballerini e la “cantattrice” Noemi Smorra, resa famosa dal musical I promessi sposi.

La Stagione di Prosa, frutto del sodalizio artistico ed economico del Teatro del Giglio con la Fondazione Toscana Spettacolo onlus – circuito multidisciplinare della Regione Toscana per la programmazione e la promozione dello spettacolo dal vivo -, offre al pubblico una lettura del presente incentrata sui rapporti tra le generazioni; al cartellone, di sei spettacoli, si aggiunge un progetto speciale dedicato a Don Milani (del quale nel 2017 ricorrono i 50 anni dalla morte), Vangelo secondo Lorenzo scritto da Leo Muscato e Laura Perini, programmato il 27 marzo 2018, nel giorno della festa mondiale del teatro. Il primo appuntamento del cartellone di prosa è con Alessandro Haber e Lucrezia Lante Della Rovere, in scena con la pièce di Florian Zeller Il padre (dal 24 al 26 novembre); dal 15 al 17 dicembre sarà al Giglio il Teatro Del Carretto con Pinocchio, uno dei tre spettacoli che il Carretto presenterà quest’anno a Venezia, alla Biennale Teatro dove, unica compagnia italiana, è stata invitata per una “personale” da Antonio Latella. Dal 26 al 28 gennaio Elena Sofia Ricci, GianMarco Tognazzi e Maurizio Donadoni saranno protagonisti di Vetri rotti di Arthur Miller, regia di Armando Pugliese; Claudio Bisio interpreterà Father and Son di Michele Serra (ispirato a Gli sdraiati e Breviario comico) per tre serate, dal 16 al 18 febbraio. Nel mese di marzo, il capolavoro di Eduardo De Filippo, Il sindaco del rione Sanità, per la regia di Mario Martone (dal 2 al 4) e Miss Marple: giochi di prestigio di Agatha Christie (adattamento teatrale dal romanzo di Edoardo Erba), con Maria Amelia Monti (dal 23 al 25), regia di Pierpaolo Sepe.

La programmazione del Teatro del Giglio è resa possibile grazie al fondamentale e irrinunciabile sostegno del Comune di Lucca che, attraverso il teatro cittadino, opera in ambito culturale realizzando un’attività che spazia della produzione lirica e concertistica alla messa in scena di spettacoli di prosa e danza, senza dimenticare l’attività di formazione e per i ragazzi. Al Comune, si aggiungono gli apporti del Ministero dei beni e delle attività culturali e della Regione Toscana, e il prezioso contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, oltre all’impegno di Fondazione Banca del Monte di Lucca, Lucar, Tagetik, Unicoop e Gesam Spa; la stagione di prosa è, come di consueto, progettata e organizzata con Fondazione Toscana Spettacolo onlus.

Ulteriori informazioni: Teatro del Giglio

Download PDF