SACRUM, una preghiera in musica per la pace universale

Condivisioni

“Sono convinto che tutta la Chiesa, che ha tanto bisogno di ricevere misericordia perché siamo peccatori, potrà trovare in questo Giubileo la gioia per riscoprire e rendere feconda la misericordia di Dio, con la quale tutti siamo chiamati a dare consolazione ad ogni uomo e ad ogni donna del nostro tempo. Non dimentichiamo che Dio perdona tutto, e Dio perdona sempre. Non ci stanchiamo di chiedere perdono”.
Con queste parole il Santo Padre Francesco ha indetto per il 2016 lo straordinario “Giubileo della Misericordia” per riscoprire la bellezza della misericordia. Un evento così importante non può dunque non toccare l’espressione più profonda della nostra umanità, la musica.

“SACRUM – una preghiera in musica per la pace universale”, nasce proprio per dare corpo a questa invocazione di pace, fede e amore.

La rassegna, organizzata da Accademia Musicale e Artistica Maria Rosa Coccia nel decimo anniversario dalla sua Fondazione, con la direzione del maestro argentino Mariana Altamira, gode del patrocinio straordinario di Pontificio Consiglio della Cultura, unitamente a Roma Capitale, Senato della Repubblica Italiana, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Camera dei Deputati, Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede, Ambasciata di Polonia, Consiglio Regionale d’Abruzzo, Regione Abruzzo, Consiglio Regionale del Lazio, Fondazione Festival Pucciniano, Fondacion Incanto, Confederazione Lirica Italiana, Comune di Viareggio, Comune di Pescasseroli, Rotary Roma Nord, Rotaract Roma Nord.

Considerato il tristissimo momento storico vissuto in questo ultimo anno funestato da grandi tragedie in tutto il mondo la rassegna non poteva che aprirsi con un momento di riflessione e preghiera con il Requiem di Giuseppe Verdi eseguito dall’Orchestra Filarmonica di Benevento, importantissima realtà musicale italiana di cui il grande direttore d’orchestra Antonio Pappano all’esito di una esecuzione scrive: “È un’orchestra piena di talento, piena di voglia e di grinta. Sono questi i progetti che bisogna portare avanti per far crescere la cultura musicale”.

L’evento vede la partecipazione dell’International Opera Choir istruito da Gea Garatti, un coro professionistico di 90 elementi, fresco dei successi riportati al Festival di Spoleto che già si è distinto in alcune tra le più importanti rassegne musicali italiane.
Solisti di grande interesse come Mariana Altamira, Leon de la Guardia, Alessio Quaresima Escobar e il mezzosoprano Irene Molinari per concludere questo Requiem in programma il 5 novembre 2016, ore 21.00 presso la Basilica di Santa Maria in Aracoeli.

Il 9 dicembre 2016, ore 21.00, sempre all’Aracoeli, sarà la volta della Nona sinfonia di Ludwig Van Beethoven con l’Orchestra di stato della radio e televisione di Kiev, una delle 4 grandi orchestre di stato della ex URSS e ancora una volta l’International Opera Choir istruito da Gea Garatti con i solisti Mariana Altamira, Maria Gabriella Cianci, Alessio Quaresima Escobar e Amadi Lagha.

Entrambi i concerti saranno diretti dal Maestro Jacopo Sipari di Pescasseroli, 30 anni, direttore principale ospite della Fondazione Festival Pucciniano, reduce dai successi di Turandot e La bohème a Torre del Lago, Romeo e Giulietta di Prokoviev a Benevento e prossimo alla tournee in Serbia e Cina.

Presenta Veronica Maya. Importanti passi di meditazione saranno affidati alle voci di Andrea Roncato, Valeria Fabrizi, Elena Parmegiani, Elisabetta Pellini.

Molti i messaggi delle istituzioni per i due concerti: “Auspico a tutti noi – dice l’Amb. Mancini – che l’ascolto di queste alte melodie dal valore universale possa essere veicolo di serena riflessione e stimolo per la valorizzazione di quei beni senza tempo che sono l’umana concordia e la pace”.
Sul Requiem di Verdi scrive il Presidente del Senato Pietro Grasso al Maestro Sipari: “Sono profondamente grato alla Fondazione Festival Pucciniano, all’Accademia Coccia, all’Orchestra Filarmonica di Benevento e a tutte le persone che si sono impegnate per l’organizzazione di questo evento musicale per onorare il ricordo di tante vittime innocenti, rendendosi interpreti di quei valori di solidarietà, di pace, di rispetto della dignità umana e dei diritti umani con la consapevolezza che la musica e la cultura sono le armi migliori per cambiare il presente e costruire un futuro migliore”.

Entrambi i concerti saranno trasmessi in mondovisione il 20 Novembre, giorno della chiusura effettiva del Giubileo e la notte di Natale 2016.
Per la prima volta si applicheranno a questi concerti le tecniche innovative della Realtà Aumentata, una tecnologia che permette di animare ed inserire contenuti multimediali nel materiale cartaceo e pubblicitario tramite l’uso di smartphone e tablet e di una apposita app.

Per ulteriori informazioni: www.concertosacrum.com

Download PDF