Axel Trolese in concerto con il Quartetto Guadagnini all’Istituto Italiano di Cultura di Parigi

Condivisioni

Mercoledì 14 dicembre alle 20.00, all’Istituto Italiano di Cultura di Parigi, Axel Trolese, giovane pianista reduce dal secondo posto al “Premio Venezia 2015” e vincitore del “Premio Casella 2015”, si esibirà con il Quartetto Guadagnini – Fabrizio Zoffoli e Giacomo Coletti (violini), Matteo Rocchi (viola), Alessandra Cefaliello (violoncello) – nel concerto organizzato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dagli Istituti periferici.
Il pianista, che recentemente ha pubblicato il suo primo CD “The Late Debussy” per l’etichetta Movimento Classica, eseguirà insieme al quartetto una pietra miliare della musica da camera per Quartetto con pianoforte: il Quintetto Op. 34 in fa minore di Johannes Brahms.

Axel Trolese è nato nel 1997 a Genzano (Roma) e ha iniziato a cinque anni gli studi musicali; ora vive a Parigi dove frequenta il Conservatorio Nazionale Superiore nella classe di Denis Pascal; allo stesso tempo, studia con Benedetto Lupo all’Accademia di Santa Cecilia di Roma. Si è diplomato nel 2014 con 10, Lode e Menzione d’Onore presso l’ISSM “Monteverdi” di Cremona con Maurizio Baglini, seguendo allo stesso tempo anche gli insegnamenti di Roberto Prosseda e Alessandra Ammara. Durante il suo percorso formativo ha seguito numerose masterclass e corsi di perfezionamento pianistici con Aldo Ciccolini, Wolfram Schitt-Leonardy, Yun Sun, Inna Faliks, Enrico Elisi, Joaquín Achúcarro, Piero Rattalino e Giovanni Bellucci. È vincitore del “Premio Alfredo Casella” al Concorso Pianistico Nazionale “Premio Venezia 2015”. Nel 2016 gli è stato assegnato il “Premio EduMus”, riconoscimento dedicato ai migliori giovani musicisti italiani.
A maggio di quest’anno ha registrato il suo primo disco “The Late Debussy: Etudes & Epigraphes Antiques” per Movimento Classical. L’incisione è stata realizzata nel maggio 2016 nell’Auditorium Fazioli Concert Hall di Sacile (PN).

Per informazioni sul concerto
www.iicparigi.esteri.it

Informazioni e materiali su Axel Trolese
www.axeltrolese.com

Download PDF