L’edizione 2016 dell’Orizzonti Festival di Chiusi

Condivisioni

Si terrà dal 29 luglio al 7 agosto l’edizione 2016 dell’Orizzonti Festival di Chiusi (Siena).

Ce ne parla così il Direttore Artistico Andrea Cigni:

“Orizzonti Festival delle nuove Creazioni nelle Arti performative 2016: a Chiusi (Siena) sarà pura Follia.
L’edizione 2016 di OrizzontiFestival è dedicata alla follia: la follia che guida le azioni, le speranze, le relazioni, di chi sa osare in un mondo che tende a uniformare tutto; la follia di un momento creativo che coraggiosamente porta alla realizzazione di un atto artistico. La follia è anche elemento caratterizzante di periodi storici e culturali, purtroppo non sempre in accezione positiva. Esempio ne sono spesso i fatti politici e sociali che svolgono, in nome di una follìa assurda, la nostra umanità.
Vorrei però, in questa Edizione di OrizzontiFestival, sottolinearne gli aspetti più significativamente positivi e felici. Quelli che contemplano la Follia come elemento generatore di arte e cultura. Un momento di pura genialità che sottintende il lavoro di un artista, sia esso un attore, un danzatore, un musicista, uno scrittore.
Molti sono gli appuntamenti di questa Edizione 2016, numerose le presenze e alto il livello della proposta culturale che a Chiusi viene coraggiosamente portata avanti e sostenuta a più livelli.
Il debutto de La traviata, con un cast di assoluto valore guidato da Anna Corvino, con la direzione del Maestro Sergio Alapont, è affidato ai vincitori del bando di regia e allestimento per giovani artisti indetto ogni anno dal Festival. La presenza di alcuni nomi che segnano un percorso di continuità con le precedenti edizioni (Fortebraccio Teatro, Paolo Panaro, Teatro di Dioniso, Laura Fatini e Gabriele Valentini e il duo Baglini/Chiesa), ma anche novità assolute per Chiusi e Orizzonti Festival: è il caso della compagnia Ricci/Forte, tra le più innovative a livello mondiale, CollettivO CineticO, la Compagnia Abbondanza/Bertoni (per celebrare a Chiusi il ventennale del loro sodalizio), la Compagnia Zappalà Danza (con una prima assoluta dedicata a Orizzonti), Quotidiana.com (tra le proposte più interessanti della drammaturgia contemporanea degli ultimi anni e il ritorno sulla scena musicale italiana del soprano Maria Billeri, una tra le voci più belle del nostro repertorio lirico.
Il premio Orizzonti quest’anno è assegnato da Pino Strabioli ad Arturo Brachetti, folle genio contemporaneo del trasformismo, nome internazionale delle arti performative; e tornano in programma gli incontri ai Giardini della Torre con autori (tra l’altro alcune tra le ‘penne’ più importanti degli ultimi anni) e artisti presenti al Festival: attori, musicisti e performer.
Orizzonti dedica ampio spazio alla formazione, infatti oltre a moltissime partnership formative con Istituzioni di rilievo in Italia (Università La Sapienza di Roma, Università di Perugia e Siena, L’Accademia di belle arti di Sassari e quella di Bologna, fino ai Conservatori di Siena, Reggio Emilia e Cremona), affida alla Compagnia I Macchiati il laboratorio per i più piccoli di Orizzonti Officine Kids.
A teatroecritica.net, la webzine di teatro e spettacolo dal vivo più letta e consultata in Italia, il compito di curare per il secondo anno il laboratorio di sguardo critico con studenti universitari finalizzato alla produzione, alla stampa e alla diffusione di un giornale quotidiano dedicato al festival con approfondimenti, recensioni e interviste sugli spettacoli e gli artisti in programma.
Preziosa è poi la collaborazione con l’Orchestra dell’Opera Italiana che, insieme a Sinapsi Group, ha reso possibile la formazione dei musicisti che comporranno l’Orchestra di OrizzontiFestival e quella con AmiataPiano Festival, per la coproduzione del concerto che verrà trasmesso grazie a Rai Radio Tre.
Con questi presupposti Orizzonti Festival vuole essere un’occasione, un’opportunità di conoscenza per Chiusi, i suoi cittadini e per gli appassionati e gli operatori di teatro, danza, musica; vuole essere coraggioso e lungimirante perché siamo convinti che la crescita di un popolo passi dallo sviluppo culturale che questo è in grado di generare.
In questa direzione il sostegno dell’Amministrazione della Città di Chiusi, del Mibact, della Regione Toscana e dei numerosi sponsor privati sono essenziali per il mantenimento di un alto profilo qualitativo ed istituzionale del Festival”.

Per ulteriori informazioni, potete consultare direttamente il sito ufficiale del festival: www.orizzontifestival.it, nonché la pagina web del programma giornaliero del festival stesso.

Download PDF